Djokovic, intervengono subito gli avvocati: i legali chiedono di risolvere il caso entro domenica, ma intanto domani Nole potrebbe tornare nell’albergo degli orrori

Non c'è pace per Novak Djokovic: i legali del serbo si sono messi subito al lavoro, ma domani Nole potrebbe tornare al Merlbourne Park Hotel, la struttura per detenuti

SportFair

Il caso Djokovic continua. Il tennista serbo si è visto nuovamente cancellare il visto dal governo australiano, ma non è ancora finita. Il numero 1 al mondo aveva due opzioni, lasciare subito l’Australia, oppure fare nuovamente ricorso e sperare di vincerlo per poter partecipare agli Australian Open, al via domenica.

Djokovic ed i suoi legali, ovviamente, hanno optato per la seconda opzione. In primis, gli avvocati del tennista hanno concordato, con i colleghi del ministro dell’Immigrazione, di non espellere Djokovic dall’Australia fino alla conclusione del procedimento giudiziario.

Stephen Lloyd ha anche assicurato che il tennista non sarà nuovamente recluso stasera, prima di un incontro con i funzionari dell’immigrazione.

La posizione del legali di Djokovic

L’avvocato Nicholas Wood, SC, ha affermato che Hawke ha scelto di “rimuovere un uomo di buona reputazione” dall’Australia e di “mettere in pericolo” la sua carriera a causa dei commenti che Djokovic aveva fatto nel 2020. “Non ha basi razionali per dire che la decisione che prende è in grado di generare una maggiore quantità di sentimento anti-vax che sta cercando di ridurre al minimo“, ha aggiunto.

Il signor Wood ha detto alla corte che il ministro ha giustificato la cancellazione del bisto sulla base del fatto che la presenza di Djokovic in Australia susciterebbe sentimenti contro le vaccinazioni. Ha aggiunto poi che il ministro non ha preso in considerazione in alcun modo ciò che la rimozione forzata di Djokovic potrebbe avere sul sentimento anti-vaccinazione.

Insetti nei pasti, incendi e condizioni pessime: Djokovic alloggia nell’albergo degli orrori

Il team legale di Novak Djokovic ha chiesto che il serbo non venga arrestato mentre è in corso l’udienza, ma l’avvocato del ministro dell’Immigrazione ha spiegato che il tennista rimarrà nell’ufficio del suo avvocato fino a mezzogiorno di domani prima di essere arrestato e portato in tribunale domenica. Gli avvocati di Djokovic hanno detto che presenteranno le loro osservazioni entro mezzogiorno di domani.