Il C.t. Fabbri operato al cervello: “ho parlato di ciclismo durante l’intervento alla testa”

Simone Fabbri è tornato a parlare dopo la delicata operazione per il tumore cerebrale

SportFair

Simone Fabbri, commissario tecnico della nazionale azzurra downhill, ha attraversato un momento difficile della sua vita. A fine novembre aveva raccontato i suoi problemi di salute attraverso un messaggio sul profilo Instagram: “mi hanno diagnosticato un glioma cerebrale che deve essere rimosso. Si tratta di una asportazione in craniotomia, quindi un intervento piuttosto delicato, ma io conto di tornare presto in mezzo alle mie biciclette”. 

L’operazione è andata bene, adesso Simone Fabbri racconta quei momenti: “non bisogna avere paura di questi mali e voglio che le persone lo capiscano. Ho subito un intervento molto particolare, durante il quale sono rimasto cosciente per 90 minuti, rispondendo alle sollecitazioni dei medici e parlando di ciclismo. Sembra incredibile, ma è così. In questo modo anche il recupero sarà più veloce perché non ho perso l’uso temporaneo della parola e da subito ho ripreso a camminare”, riporta la ‘Gazzetta dello Sport’.

Nei prossimi mesi dovrà sottoporsi ad una nuova risonanza e controlli periodici: “si è trattato di un’esperienza quasi mistica in cui ho sofferto per i postumi di un intervento che mi ha lasciato 49 punti al cranio. E’ stato molto difficile dormire, solo dei micro-sonni, ma pian piano le cose si sono sistemate e presto sono tornato a guidare e camminare in montagna”.