Il River Plate è sul tetto d’Argentina dopo 7 anni, ma il club perde pezzi: il bomber Julian Alvarez verso l’Italia, una Nazionale per il tecnico Gallardo

Il River Plate ha trionfato in Argentina dopo 7 anni. Il grande protagonista è stato l'attaccante Julian Alvarez, il suo futuro potrebbe essere in Italia

SportFair

Nel giorno del ricordo di Maradona, a un anno dalla morte, il River Plate ha completato una stagione veramente entusiasmante. Il rendimento in Superliga è stato di altissimo livello, è riuscito a conquistare l’ennesimo risultato utile consecutivo: in 22 partite ha vinto 16 volte, poi 4 pareggi e due sconfitte. Sono stati addirittura 48 i gol segnati, mentre appena 13 quelli subiti. E’ stato il miglior attacco e la miglior difesa. L’allenatore Marcelo Gallardo è stato protagonista di un ottimo lavoro che si è concretizzato con il trionfo finale. E’ riuscito a vincere con il River Plate sia da calciatore che da allenatore. La vittoria si è concretizzata con il netto successo contro il Racing Avellaneda, 4-0 il risultato che non lascia dubbi sull’andamento dell’incontro. Per Gallardo si tratta del primo campionato vinto, probabilmente l’ultimo considerando il probabile passaggio sulla panchina dell’Uruguay. Il River Plate torna a vincere lo scudetto dopo 7 anni.

Julian Alvarez show

Julian Alvarez
Foto di Juan Ignacio Roncoroni / Ansa

Il grande protagonista è stato Julian Alvarez, autore di un rendimento di altissimo livello: l’attaccante ha messo a segno 17 reti in 18 partite, confermandosi uno dei migliori calciatori in prospettiva. E’ un classe 2000 e nonostante la giovane età si è già messo in mostra grazie a qualità sopra le media. E’ una prima punta di piede destro, ma che può disimpegnarsi anche come esterno d’attacco, a destra o a sinistra. E’ dotato di un elegante controllo di palla, è preciso anche su calcio di punizione. E’ cresciuto nelle giovanili del River Plate, è stata la sua unica squadra. Poi è stato convocato con i grandi ed è diventato un punto di riferimento. E’ già entrato nel giro della Nazionale argentina, è partito dall’Under 20 ma è stato preso in considerazione anche con i grandi. Il futuro potrebbe essere in Italia, è finito nel mirino delle più importanti squadre: Juventus, Inter e Milan hanno già avviato i primi contatti.