Il racconto da brividi di Lukaku su Eriksen: “stavamo sempre insieme, quando ho saputo del malore sono scoppiato a piangere”

Romelu Lukaku torna a parlare dei momenti di paura che si sono verificati durante il malore dell'ex compagno Eriksen

SportFair

Il mondo del calcio è rimasto con il fiato sospeso per le condizioni di Christian Eriksen, il calciatore dell’Inter è crollato in campo durante la partita di Euro 2021 Danimarca-Finlandia. L’intervento immediato di compagni e staff medico è stato decisivo per salvare la vita dell’ex Tottenham. Il futuro di Eriksen dal punto di vista sportivo è ancora incerto, il danese non è più sceso in campo da quel maledetto giorno.

Sono stati minuti di grande paura anche per i compagni di squadra dell’Inter, in particolar modo per Romelu Lukaku, grande amico di Eriksen. L’attuale calciatore del Chelsea è tornato sull’episodio in un’intervista a Uefa.com. “Durante il mio periodo all’Inter ho passato più tempo con Christian che con mia madre, mio figlio o mio fratello perché in Italia con gli allenamenti sei con il club tutto il giorno. La sua stanza era accanto alla mia, giocando a Call of Duty e cose del genere. Così, quando è crollato in campo ho iniziato a piangere. Pensavo costantemente a lui”.

Poi continua: “Sulla strada per lo stadio di San Pietroburgo avevo bisogno di qualcosa per riprendermi, così ho deciso di giocare per lui per tutto il torneo. Volevo mostrargli che ero con lui. Gli ho anche mandato un messaggio e sono stato felice che mi abbia risposto”.