Gli obiettivi con Yamaha e Valentino Rossi, Dovizioso sicuro: “i suoi ultimi anni non sono stati ottimi, ma…”

Dovizioso a 360 gradi al Festival dello Sport in corso a Trento: le parole del forlivese sul suo ritorno in MotoGP al fianco di Valentino Rossi

SportFair

Si sta svolgendo a Trento il Festival dello Sport. Tantissimi gli ospiti sportivi che stanno raccontando le loro imprese, curiosi aneddoti e tanti interessanti storie. Ieri è stato il turno di Andrea Dovizioso, tornato in MotoGP dopo la decisione di prendersi un anno sabbatico.

Il forlivese è adesso un pilota Yamaha e corre in Petronas al fianco di Valentino Rossi, che a fine anno si ritirerà: “fa strano, perché è sempre stato un avversario di marca oltre che come pilota, fa piacere. Valentino è iper carismatico, ha portato tante situazioni nuove, tutti si sono adeguati alle cose che ha portato. Indipendentemente dai risultati. Gli ultimi anni non sono stati ottimi, la gente del paddock può pensarla in modi diversi. Ma quello che ha fatto e che lascia è tanta roba“, ha affermato.

Non poteva mancare poi un commento sulla sua avventura in Ducati: “sono sempre riuscito ad essere più o meno nei primi quattro in qualsiasi categoria. Con Ducati tre stagioni strepitose con Ducati… manca un po’ la ciliegina sulla torta. I tre secondi posti li ho vissuti quasi come una vittoria, non li ho vissuti male. Ma la mancanza del titolo è più importante per l’opinione pubblica che per me. Non sono stati anni di grosse delusioni“.

Bello riprovare quelle sensazioni che solo la MotoGP sa dare, l’atmosfera e tutto il contorno è unico. L’obiettivo di quest’anno è adeguarmi il più possibile alla moto. Il pacchetto non è troppo competitivo, ma non è quello del prossimo anno. Ma devo cambiare il mio stile di guida“, ha concluso Dovizioso.