La Juventus sul nuovo Pogba, chi è Aurelien Tchouameni: la passione per gli sciroppi e gli ‘schiaffi’ del padre

La Juventus ha individuato il calciatore giusto per il centrocampo: si tratta di Aurelien Tchouameni, la storia del calciatore

SportFair

La Juventus è in grande ripresa, il club bianconero è reduce da quattro vittorie consecutive tra campionato e Champions League. Dopo un avvio di stagione veramente complicato, la squadra ha ritrovato fiducia grazie alla gestione dell’allenatore Massimiliano Allegri che è riuscito a compattare il gruppo nonostante qualche sconfitta di troppo. In Europa è già vicinissimo al passaggio del turno agli ottavi di finale dopo il successo contro il Chelsea, mentre in Serie A è in risalita. La prima parte di stagione ha fatto emergere comunque qualche problema dal punto di vista tecnico e tattico, in particolar modo un reparto che continua a far fatica è il centrocampo. L’arrivo di Locatelli è stato decisivo per aumentare la qualità della mediana, l’ex Sassuolo si è confermato decisivo nelle ultime partite. L’obiettivo della dirigenza è quello di regalare ad Allegri un altro centrocampista per formare una coppia di sicuro affidamento. Il nome è quello di Aurélien Tchouaméni. E dovrebbe prendere il posto di Ramsey, nel mirino del nuovo Newcastle.

Chi Aurélien Tchouaméni

Tchouaméni
Foto di Sebastien Nogier / Ansa

Aurélien Tchouaméni è un centrocampista centrale che può giocare davanti la difesa, ma anche in posizione un po’ più avanzata. E’ considerato il nuovo Pogba, sia dal punto di vista fisico che tattico. E’ un classe 2000, quindi con ampi margini di miglioramento. E’ attualmente un calciatore del Monaco, ma è destinato a palcoscenici ben più importanti. E’ molto duttile e può essere impiegato in vari ruoli del centrocampo. Inizia la carriera nel settore giovanile del Bordeaux, poi l’esordio in prima squadra. Si mette in mostra come un ottimo calciatore, si trasferisce al Monaco. E’ la sua esperienza più importante, è uno dei migliori, tanto da attirare l’attenzione dei più importanti club in Europa. Protagonista anche con la maglia della nazionale francese, dall’Under 16 fino a quella maggiore. Il futuro potrebbe essere con la casacca bianconera della Juventus. E’ stato in grado di segnare in Europa League a 18 anni diventando il più giovane marcatore di sempre del Bordeaux nelle competizioni europee.

I retroscena su Tchouaméni

Tchouameni
Foto di Martin Divisek / Ansa

Fuori dal campo è un appassionato di… sciroppi alla fragola. L’aneddoto particolare è stato raccontato dal suo ex compagno Youssouf a France Football: “Al centro di formazione di Bordeaux mangiavamo alle 7 e 30 la sera e non ci era concesso mangiare dolci. Era vietato. Alcuni del club entravano nelle nostre camere per vedere se qualcuno avesse della nutella o degli snack. ‘Tchou’ aveva gli sciroppi. Dopo i pasti li bevevamo in camera con lui e ci davano quel tocco di zucchero che ci metteva di buon umore”. 

Il salto di qualità si è registrato grazie all’intervento del padre: “L’ho scosso. Gli ho detto che mi sembrava che giocasse leggero, che si accontentasse del minimo sindacale. Gli ho detto che stava diventando un giocatore banale. Ha funzionato: perché ha fatto una seconda parte di stagione straordinaria. Ogni tanto me lo rinfaccia ancora quando fa delle grandi partite: ‘Ecco il giocatore banale’, mi dice ridendo”. 

Tredici anni, 9 mesi e 9 giorni: chi è Axel Kei, il baby fenomeno del calcio che ha spazzato via ogni record