Champions League, la giornata è agrodolce: l’Inter torna in corsa, il Milan perde e la qualificazione è appesa ad un filo

Si sono concluse le prime partite di Champions League, sono scese in campo Milan e Inter contro Porto e Tiraspol

SportFair

E’ stata dai due volti la giornata di Champions League, sono scese in campo due squadre italiane: l’Inter ha incontrato il Tiraspol, il Milan sul campo del Porto. La squadra di Simone Inzaghi prima rischia, poi trova tre punti importanti per il passaggio del turno. La partita di oggi ha confermato le ultime impressioni sui nerazzurri, in attacco si sono dimostrati concreti mentre in difesa hanno fatto un po’ di fatica. L’Inter mette in mostra la maggiore qualità dal punto di vista tecnico, ma deve aspettare il 34′ per passare in vantaggio: il marcatore è Dzeko, tiro al volo bellissimo che si infila all’incrocio. Lo Sheriff continua a confermarsi la sorpresa della competizione e nel secondo tempo trova il pareggio con Thill. Inzaghi si gioca il tutto per tutto e trova due gol con Vidal e de Vrij. Finisce 3-1, l’Inter a 4 punti ma è ancora terza. Prime Real e Tiraspol a 6.

Il Milan ko

Porto Milan
Foto di Estela Silva / Ansa

Terza sconfitta consecutiva per il Milan, adesso la qualificazione per il club rossonero è appesa ad un filo. La squadra di Stefano Pioli non è riuscita a muovere la classifica dopo le sconfitte contro Liverpool e Atletico Madrid. I rossoneri si affidano al solito a Giroud, poi Leao e Saelemaekers, i padroni di casa rispondono con Taremi. E’ una partita bloccata, si registrano poche occasioni da gol. Il Porto prova a tenere il pallino del gioco, l’intenzione dei rossoneri è quella di pungere in contropiede. Ma il Milan non sembra in giornata. Al 58′ Pioli si gioca la carta Ibrahimovic, ma lo svedese non è ancora nella migliore condizione dal punto di vista fisico. Il gol decisivo arriva al 65′ con Luis Diaz. Il risultato non cambia più, finisce 1-0. Il Milan fermo ancora a zero, non saranno più concessi passi falsi. Il successo del Liverpool contro l’Atletico aiuta un po’ i rossoneri.