La Lazio manda in bambola la Roma, Sarri vince il Derby e si diverte: brutto record per Mourinho

La Lazio ritrova la vittoria imponendosi 3-2 nel derby contro la Roma, niente da fare per gli uomini di Mourinho a cui non riesce la rimonta nel finale di partita

SportFair

Velocità e brio da un lato. Potenza e strappi dall’altro. Una sfida estrema e agli antipodi, un derby vinto dalla Lazio al cospetto di una Roma mai doma e sempre dura a morire. Alla fine festeggia Maurizio Sarri davanti a José Mourinho, costretto a incassare l’onta di essere il primo allenatore dopo 10 anni a perdere il primo derby di Serie A sulla panchina giallorossa da Luis Enrique nel 2011. Dopo un filotto di tre gare consecutive senza vittoria, la Lazio torna a sorridere nella partita più importante agguantando il sesto posto in classifica a meno uno proprio dalla Roma, alla seconda sconfitta nelle ultime tre partite giocate.

Mourinho e Sarri
Foto di Riccardo Antimiani / Ansa

Avvio sprint

Decisivi nell’economia del derby i primi venti minuti, giocati in modo spaziale dalla Lazio. Velocità, verticalizzazioni e gol per la squadra di Sarri che sblocca il risultato con Sergej Milinkovic-Savic dopo 9′ e 52”, realizzando il gol più veloce del club biancoceleste in un derby di Roma in Serie A da quello di Hernanes nel marzo 2012 (9′ e 11”). Al 19° ci pensa Pedro poi a raddoppiare con un preciso piattone destro che si spegne all’angolino sinistro, là dove Rui Patricio non riesce ad arrivare. Una rete che permette all’esterno spagnolo di diventare il 3° giocatore nella storia a segnare in un derby tra Roma e Lazio in Serie A con entrambe le maglie, dopo Arne Selmonsson e Aleksandar Kolarov.

Pedro
Foto di Riccardo Antimiani / Ansa

Reazione Roma

La Roma rialza la testa con Ibanez su calcio d’angolo, andando al riposo sul 2-1 e con la consapevolezza di poter riequilibrare le sorti dell’incontro nella ripresa. La Lazio però aumenta l’intensità delle proprie verticalizzazioni e cala il tris con Felipe Anderson, bravissimo a sfruttare un perfetto assist di Ciro Immobile. La reazione dei giallorossi non si fa attendere e con Veretout accorciano nuovamente le distanze su calcio di rigore, fischiato per fallo su Zaniolo. Nel finale il forcing della Roma si fa spietato ma Pepe Reina respinge come può le conclusioni degli avversari, abbassando la saracinesca e regalando alla Lazio una pesantissima vittoria al termine di un derby davvero emozionante.