Inferno ‘Orange’ a Zandvoort, Lewis Hamilton punge i tifosi di Max Verstappen: “che fischino pure…”

Lewis Hamilton ha parlato in conferenza stampa del prossimo GP d'Olanda, sottolineando come trasformerà i fischi dei tifosi di Verstappen in energia positiva

SportFair

Sono passati solo pochi giorni dalla farsa del GP di Spa e per la Formula 1 è già tempo di tornare in pista per il GP d’Olanda, in programma sul circuito di Zandvoort. Un appuntamento nel quale Max Verstappen potrà godere della spinta del suo pubblico, pronto a riempire le tribune del circuito per sostenere il pilota Red Bull nella sfida contro Lewis Hamilton. Per il britannico sono previsti tanti fischi, anche se questa eventualità non sembra preoccupare il campione del mondo in carica.

Lewis Hamilton
Foto di John Thys / Ansa

I fischi

Interrogato in conferenza stampa sui possibili fischi, Hamilton ha ammesso: “i fischi fanno parte dello sport, il tifo olandese è molto passionale. Mi piace venire in Olanda, Amsterdam è una delle migliori città del mondo e ho anche dei fan qui, anche se probabilmente non saranno molti, anzi saranno una minoranza nelle tribune! Mi posso dunque aspettare dei fischi, anche se io non andrei mai a un evento per contestare qualcuno. In generale penso che i tifosi britannici non fischino, si godono semplicemente l’evento: non credo di averli mai sentiti fischiare. Se guardi una partita di calcio capisci quanto sia normale questa cosa: i tifosi sono passionali e possono avere antipatia per qualcuno, io non lo farei ma lo rispetto, questo è lo sport. Che fischino pure, cercherò di trasformare questa energia negativa in positiva, in modo che possa darmi vantaggi nella guida“.

Condividi