I ciclisti in difficoltà ai Mondiali di Bruges, dove fare la pipì? De Gendt avverte i tifosi: “mai bere da una borraccia trovata per strada”

De Gendt e la rivelazione sui bisogni dei ciclisti: fan avvisati! Mai bere dalle borracce lasciate dai corridori

SportFair

Sono in corso a Bruges i Mondiali di ciclismo su strada. Tra una gara e l’altra c’è spazio anche per alcune lamentele da parte dei ciclisti: nello specifico, in molti stanno avendo problemi con i loro… bisogni. Per le strade di Bruges c’è talmente tanto pubblico che è difficile per i corridori trovare dello spazio per potersi fermare e soddisfare le esigenze del proprio organismo.

Sono diversi coloro che hanno lanciato un appello, chiedendo agli organizzatori, in vista della gara elite maschile di domenica, di trovare delle zone da adibire esclusivamente a ‘wc per i corridori’. C’è chi però ha trovato una soluzione alternativa, probabilmente già adottata in precedenza: De Gendt, infatti, ha proposto di usare le borracce per svuotare la vescica, lanciando un importante avvertimento ai fan.

Non si dovrebbe mai bere da una borraccia raccolta a lato della strada. Quando ci sono troppe persone a bordo strada, come nel caso ad esempio del Tour de France (o dei Mondiali, n.d.r.), si pone un grosso problema ai corridori quando devono fare pipì”. Per i corridori diventa quindi indispensabile un’alternativa: “In questi casi si deve utilizzare il piano B: una borraccia. La svuoti del suo contenuto e ci svuoti dentro la vescica“, ha affermato il 35enne.