Le critiche, la chirurgia e la storia d’amore con Can Yaman, Diletta Leotta a cuore aperto: “mi ha chiesto di sposarlo dopo un mese, ma ora siamo lontani”

Diletta Leotta a cuore aperto: dall'amore alle critiche, le parole della conduttrice siciliana di Dazn a Verissimo

SportFair

Diletta Leotta è stata ospite oggi di Silvia Toffanin a Verissimo. La conduttrice di Dazn si è raccontata a 360 gradi, parlando della sua vita, delle critiche che riceve periodicamente, ma anche della sua vita privata e nello specifico della storia d’amore con Can Yaman.

“Bilancio dei 30 anni? Non mi piace pensare al fatto che ho compiuto 30 anni. Noi donne appena arriviamo ai 30 facciamo un bilancio. Sono contenta delle persone incontrate, del lavoro. Bisogna lavorare su se stesse. Critiche per la festa di compleanno? Mi è dispiaciuto, è stata una critica inutile. Probabilmente c’era poco di cui parlare il 16 agosto. Se qualcuno può davvero pensare che io faccia vestire delle donne da lampadario, pensa che io sia fulminata. Le ballerine erano vestite con abiti bianchi bellissimi, poi con abiti con fiori, c’è stato un percorso. Decontestualizzare le immagini da una festa privata, questa è una polemica inutile. C’erano le persone a me vicine, la mia famiglia e le mie amiche. E’ una provocazione, ma una scelta artistica e non sono stata io a scegliere. Polemiche? Ci sto male anche perché non amo rispondere per una questione di educazione. Ci stai male comunque. Ogni cosa travisata. Anche se non l’esterno mi dispiace, tante cose mi hanno ferito. Mi ha ferito questa polemica, alcuni commenti non positivi sui di me che portano a credere che io non sia reale”, ha affermato nella puntata in onda oggi pomeriggio.

Diletta Leotta

“Il discorso sulla bellezza? Forse tornando indietro quando guardo il monologo a Sanremo mi vedo una bambina, non pronta ad un discorso di quel tipo. Oggi comprendo quanto le parole abbiano potere. Quanto sia complicato per una ragazza carina scherzare su un tema come quello della bellezza. Oggi direi la bellezza capita, ma se ti dai un aiutino va bene così. Se ammetto la chirurgia? Ma certo. Nel 2021 è un tema sdoganato. Il commento sei di plastica? Fa male leggere questi commenti. Cosa posso rispondere, nulla. Mi interessa più il processo logico che spinge queste persone a dirmi certe cose. Se ti rifai sembra quasi che modifichi la tua moralità. Questo mi dispiace perché non è vero”, ha aggiunto.

La storia d’amore con Can Yaman

La storia d’amore tra Diletta Leotta e Can Yaman è stata una delle più chiacchierate degli ultimi tempi. C’è hi ha pensato che fosse tutto studiato a tavolino, chi invece ha creduto in loro sin dal primo momento. Una storia al momento terminata, ma non è escluso un ritorno di fiamma. “Non parlo mai d’amore, mi sento più forte a parlare di lavoro. Can Yaman? Non so da dove incominciare. E’ stata una storia bellissima, un sogno, una favola. Ed è stato un colpo di fulmine. Siamo due ragazzi di 30 anni che si sono innamorati e che hanno cercato di amare questa passione enorme. E siamo tutti e due molto passionali, lui anche più di me. E’ stato molto veloce. La cosa è un po’ complicata, quando ti innamori di un uomo molto famoso, mi piace condividere le foto ma poi c’è la vita reale. Quella era difficile da tenere intima. Tutto schedulato da un titolo di giornale, pesa. Fai i conti con questo però dividere la persona dal personaggio era un po’ difficile. La cosa che mi è dispiaciuta di più è che qualcuno diceva che fosse una storia a tavolino. Come si fa a dire una cosa del genere? L’amore ti capita, non puoi decidere. Sto leggendo un libro bellissimo, c’era scritto: “Quando ti innamori davvero sei tu il perdente”. Io penso di essere innamorata e penso anche che quando sei innamorata un po’ perdi lucidità, sicurezze, perdi la testa e il controllo. Sono cose che a me non erano mai capitate. A volte perdi anche l’amore. Storia finita? Non è un momento facile. In futuro non so cosa succederà. Visto che l’amore è imprevedibile non si può pianificare. Cosa mi auguro? Sì che si possa anche trovare un equilibrio nella quotidianità, con se stessi. Con me stessa. E poi riuscire a dare questo equilibrio alla persona a cui vuoi bene. Questo momento è giusto di riflessione, può fare bene a me e anche a Can. Siamo lontani. Matrimonio? Era verissimo. C’è stata la proposta dopo un mese che ci conoscevamo. Sono andate troppo veloci le cose, forse. Bene prendersi un po’ di tempo e poi il tempo dirà”, ha concluso la siciliana.

diletta leotta can yaman