Il ‘The Times’ lo sbatte in prima pagina per… ‘traffico di anabolizzanti’: non c’è pace per Marcell Jacobs

Marcell Jacobs è finito nuovamente al centro di una polemica innescata dal 'The Times' per i rapporti avuti con il suo vecchio nutrizionista, indagato dalla polizia

SportFair

Più Marcell Jacobs vince e più finisce al centro delle polemiche, scatenate come al solito dalla stampa britannica. Lo sprinter italiano, capace di vincere alle Olimpiadi di Tokyo ben due medaglie d’oro nei 100 metri e nella staffetta 4×100, è finito nel mirino del ‘The Times‘ che lo ha tirato in ballo per il rapporto col suo ex nutrizionista, coinvolto in un’inchiesta per “traffico di steroidi anabolizzanti”. Una storia che ha spinto i giornalisti inglesi a titolare in prima pagina “La polizia indaga sul nutrizionista della stella dei 100 metri“, un’apertura fuorviante considerando come stanno le cose, ovvero che Jacobs non ha più rapporti con il suo ex collaboratore.

Jacobs
Foto di Christian Bruna / Ansa

La smentita

Il rapporto di collaborazione tra Marcell Jacobs ed il suo ex nutrizionista è durato fino allo scorso marzo, quando il neo campione olimpico dei 100 metri ha scelto di allontanarsi proprio a causa dell’inchiesta sul traffico di steroidi anabolizzanti. Il ‘The Times‘ nel suo articolo ha sottolineato come il nutrizionista in questione non avrebbe nemmeno i titoli per esercitare la professione, dunque non si spiega come abbia fatto a lavorare con Jacobs. Sulla questione si è soffermato Marcello Magnani, agente dello sprinter azzurro, che ha smentito qualsiasi collegamento tra l’inchiesta e il proprio assistito: “l’indagine non ha mai toccato Marcell e quindi non abbiamo informazioni a riguardo. La questione dell’uso di prodotti dopanti da parte di Marcell è folle“.