Sfuma il podio per Paltrinieri nei 1500 sl, SuperGreg regala comunque un sogno e adesso testa alle acque libere

Non riesce l'impresa bis a Gregorio Paltrinieri: medaglia di legno per l'azzurro nei 1500 stile libero alle Olimpiadi di Tokyo

SportFair

In tanti hanno deciso di puntare la sveglia nel cuore della notte per fare il tifo per Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile libero alle Olimpiadi di Tokyo. Dopo la fantastica gara negli 800 stile libero e la bellissima medaglia che SuperGreg si è messo al collo nonostante un periodo difficile, caratterizzato dalla mononucleosi, il nuotatore azzurro non è riuscito a ripetere l’impresa.

Paltrinieri si è subito messo davanti, guidando la gara, ma ben presto è stato raggiunto dai suoi diretti rivali, cedendo sul finale e scivolando indietro. Gregorio ha comunque fatto vivere un sogno a tutti gli italiani e ha chiuso la sua gara con un quarto posto.

Il nuovo campione olimpico dei 1500 stile libero è lo statunitense Finke, che ha fermato il cronometro sui 14.39.65, seguito sul podio da Romanchuk, Wellbrock. Medaglia di legno quindi per l’ex campione olimpico, che ha segnato il tempo di 14.45.01.

Le parole di Paltrinieri

Oggi non è bastato, ero stanchissimo, loro hanno fatto una gran gara, ho provato a partire con un passo abbastanza forte, ma poi ero proprio morto, complimenti a loro. Oggi mi sono buttato in acqua, avevo sensazoini strane, di stanchezza eccessiva, non potevo fare niente di più e non ho niente da recriminarmi. Io opggi non ero pronto al 100%, io ho dato il massimo.

Mi dispiace solo non essere al 100% della forma, capisco che nella carriera di un atleta ci siano alti e bassi. Non credo di valere 14.45 quindi avrò modo in futuro di rifarmi. Le acque libere negli ultimi mesi sono stati un punto di domanda, ma la mia intenzione è quella di farla, sono qui e non mi tiro indietro. Mi riposo e cerco di recuperare un po’ di energie“, queste le parole di Paltrinieri ai microfoni Rai.