Dall’ipoplasia congenita che lo ha spinto a diventare campione al dolce annuncio alla vigilia delle Paralimpiadi: chi è Federico Morlacchi, portabandiera azzurro

Federico Morlacchi, il diploma in osteopatia, la malattia congenita ed il primogenito in arrivo: tutto sul portabandiera azzurro delle Paralimpiadi di Tokyo

SportFair

E’ tutto pronto a Tokyo per una nuova rassegna a Cinque Cerchi! Dopo le Olimpiadi, che hanno regalato emozioni uniche e incredibili, ci penseranno adesso gli atleti paralimpici a regalare sogni ed imprese straordinarie a tutti i tifosi che faranno il tifo per loro da casa.

Iniziano domani, infatti, i Giochi Paralimpici di Tokyo, ai quali parteciperanno ben 113 supereroi e supereroine italiani, mai così tanti nella storia delle Paralimpiadi, con le donne che superano per la prima volta gli uomini.

Foto di Paolo Giandotti / Ansa

Pronto e motivato a far bene a Tokyo c’è anche Federico Morlacchi, che domani insieme a Bebe Vio sventolerà la bandiera italiana durante la cerimonia d’apertura delle Paralimpiadi.

Chi è Federico Morlacchi

Classe ’93, Federico è nato a Luino, a Varese, ed è affetto da ipoplasia congenita al femore sinistro. L’atleta azzurro si è avvicinato al nuoto proprio per la sua malattia, quando a tre anni i medici consigliarono alla sua famiglia di fargli praticare questo sport per sviluppare uniformemente il corpo.

Foto di Daniel Dal Zennaro / Ansa

Uno sport, il nuoto, che Federico non ha più abbandonato e nel quale è diventato un grande campione: all’età di 10 anni ha iniziato a praticarlo a livello agonistico, nella categoria S9 e ad oggi  sei volte campione mondiale, 14 volte campione Europeo e nel suo palmares spiccano anche sette medaglie paralimpiche, una di queste che brilla del metallo più prezioso, l’oro.

Foto di Paolo Giandotti / Ansa

Simpatico, sempre col sorriso sul volto e la battuta pronta, Federico Morlacchi ama leggere, guardare film e mangiare cibo giapponese. E’ un grande studioso: si è diplomato in osteopatia con un anno di ritardo a causa delle Paralimpiadi di Rio 2016 e ama la musica.

Foto Ansa

A Tokyo Federico disputerà i 100 rana, i 100 delfino i 200 misti e i 400 stile libero, nel tentativo di poter almeno confermare i risultati ottenuti a Rio 2016, dove è stato l’italiano più medagliato con tre argenti nei 400 sl, 100 rana e 100 delfino e l’oro paralimpico nei 200 misti.

Federico, poi, a Tokyo ha una motivazione in più per far bene: alla vigilia del suo debutto in gara alle Paralimpiadi 2021, il campione azzurro ha infatti annunciato sui social che presto diventerà padre: Morlacchi ha condiviso un dolcissimo video nel quale mostra l’ecografia della compagna. I due sono in attesa di un maschietto che si chiamerà Tommaso e noi siamo certi che Federico avrà tanta voglia di dedicargli i suoi successi in vasca.