Se vuoi, puoi! La favola di Thomas Deng, da rifugiato a capitano della Nazionale di calcio australiana protagonista alle Olimpiadi di Tokyo

Le favole esistono! Thomas Deng, la dimostrazione che con lavoro, coraggio e dedizione si possono raggiungere traguardi incredibili

SportFair

Le Olimpiadi stanno per iniziare: salvo imprevisti dell’ultimo momento le prime gare che assegneranno medaglie si disputeranno nella notte tra venerdì e sabato, ma già diversi atleti hanno fatto il loro esordio, con le prime partite di calcio femminile, softball e tanto altro che si sono già disputate.

Le Olimpiadi, comunque sia, anche senza, purtroppo, il pubblico e tra tante misure restrittive e pesanti assenza, regalano sempre tante emozioni, puro spettacolo e storie davvero speciali, come quella di Thomas Deng, da rifugiato a capitano della Nazionale australiana di calcio.

La storia di Thomas Deng

Thomas Deng guiderà la Nazionale di calcio Australiana, che torna alle Olimpiadi per la prima volta dopo Pechino 2008, nella sfida di domani contro l’Argentina.

Una grande sfida per Deng, che le sfide le conosce bene e sa molto bene anche come affrontarle: nato a Nairobi, in Kenya, Deng aveva solo sei anni quando la sua famiglia è fuggita dal conflitto sudanese e ha ottenuto lo status di rifugiato in Australia. Mentre lui, insieme ai suoi quattro fratelli maggiori e alla loro madre, iniziava una nuova vita in Australia, il padre di Deng rimase in Kenya come medico con un ente di beneficenza. L’intera famiglia non si è mai riunita.

Da bambino in Africa, Deng giocava a calcio con i suoi fratelli per divertimento. Ma le cose cambiarono quando, in Australia, si unì all’Adelaide Blue Eagles Football Club. “La mia carriera da junior è stata fondamentalmente ad Adelaide. Il mio primo club è stato l’Adelaide Blue Eagles, poi sono passato a Melbourne. È stato allora che ho giocato nel Polonia per due stagioni e alla fine mi sono trasferito al Green Gully. Ho avuto una buona esperienza lì. Mi sono davvero divertito”, ha spiegato.

Mentre era a Green Gully, Deng è stato notato da Melbourne Victory: “allora mi allenavo dentro e fuori e alla fine ho ottenuto un contratto di due anni. Anche allora è stato un momento di orgoglio. Questa è la cosa pazzesca quando ripensi a tutto e riavvolgi il nastro indietro, ci sono molte cose che sono successe nella mia carriera che non avrei pensato sarebbero accadute . E queste sono le cose per cui sono grato“, ha aggiunto l’australiano.

La cosa principale che è derivata dalla carriera di Deng è il suo senso di comunità – è di origine sud sudanese – e il suo status di modello: “rappresento la mia comunità e ci sono molti bambini che probabilmente mi guardano come una specie di modello. E penso che, forse, aspirino a fare lo stesso e a seguire le mie stesse orme. Quindi, essendo di origine sud sudanese e anche australiano, dà a questi ragazzi un senso di speranza che possano realizzare anche loro lo stesso sogno”.

Un sogno doppio! Dopo essere riuscito a raggiungere livelli alti nel calcio, Deng ha vissuto anche il sogno di vedere la sua squadra qualificarsi per le Olimpiad, giocando un ruolo da protagonista nella qualificazione per Tokyo.

E non finisce qui: Deng è stato anche nominato capitano australiano per la rassegna a cinque cerchi. “È un enorme onore e un privilegio indossare la fascia da braccio e la maglia verde e oro. Da bambino guardavo i Socceroos… è qualcosa che sogni. E ora ho questa opportunità, è qualcosa di cui so di poter essere orgoglioso. E, sai, il limite è il cielo. Sai che dimostra che devi credere in te stesso, e finché lavori sodo, tutto è possibile“.