Vinse una gara pochi giorni dopo la morte della madre, ma aveva fatto uso di cannabis: Sha’Carri Richardson salta le Olimpiadi di Tokyo

Sha'Carri Richardson salterà le Olimpiadi di Tokyo dopo l'impresa di pochi giorni fa: aveva fatto uso di cannabis prima della gara

SportFair

Solo pochi giorni fa si parlava di lei per una clamorosa impresa, per una vittoria speciale, avvenuta in un momento difficile, adesso, invece, ecco arrivare la doccia fredda, che lascia tutti un po’ amareggiati e delusi.

Stiamo parlando di Sha’Carri Richardson, la 21enne americana che ha trionfato nei 100 metri ai recenti Trials Usa a pochi giorni dalla morte della madre. Una vittoria che le aveva assicurato il pass per le Olimpiadi di Tokyo e che la vedeva tra le favorite alla vittoria olimpica.

Nelle ultime ore, però, Sha’Carri ha dovuto fare i conti con una dura verità ed è stata lei stessa ad ammettere di aver sbagliato. I media statunitensi avevano lanciato la bomba ed è stata l’atleta stessa a confermare tutto con un tweet. Nelle urine di Sha’Carri Richardson, prelevate proprio dopo la gara ai Trials USA, sono state trovate tracce di cannabis.

La squalifica

Sha’Carri Richardson è stata quindi squalificata dall’agenzia americana antidoping, per un mese, dal 28 giugno al 27 luglio. In molti probabilmente penseranno “le gare di atletica inizano il 30 luglio, quindi la Richardson può partecipare”. Pensiero giustissimo, se non fosse che la squalifica della statunitense annulla il risultato ottenuto nei Trials e dunque anche il pass olimpico. Per la Richardson resta solo la speranza di una chiamata per la staffetta.

Le parole di Sha’Carri Richardson

Mi assumo la responsabilità delle mie azioni. So cosa ho fatto. So cosa dovrei fare e ho comunque preso io quella decisione. Non giudicatemi perché sono umana. Pochi giorni prima della gara era morta la mia madre biologica. Non sto cercando una scusa o alcuna empatia nel mio caso, ma questa cosa ha avuto effetto molto pesante per me“, ha affermato la giovane statunitense in un’intervista tv.