L’importanza di partecipare alle Olimpiadi, le parole di Sara Errani siano d’insegnamento: “mi viene da piangere”

Sara Errani alla quarta Olimpiade: la commovente lettera dell'azzurra durante il suo viaggio verso Tokyo

SportFair

Manca sempre meno alle Olimpiadi di Tokyo 2020, la rassegna a cinque cerchi rinviata dallo scorso anno a quest’estate a causa della pandemia di coronavirus. Il covid continua a ‘minacciare’ le Olimpiadi, con i primi casi positivi e l’assenza di pubblico: le modifiche causate dalla pandemia hanno spinto molti atleti a rinunciare ai Giochi Olimpici, dando così spazio a chi le Olimpiadi le ha sempre messe al primo posto, a prescindere dalla presenza o meno del pubblico, dalle restrizioni, dall’isolamento o dalle possibili quarantene, come Sara Errani.

La tennista azzurra, che in passato ha dovuto fare i conti con una squalifica per doping, è volata a Tokyo, dove disputerà la sua quarta Olimpiade. Un’emozione unica per Sara Errani, che ha provato ad esternare tutte le sue sensazioni con un lungo post sui social: “sono seduta in aereo.. oggi è successo davvero tutto in fretta e non ho neanche avuto il tempo di fermarmi un attimo a realizzare.. le Olimpiadi.. sono state il mio sogno da sempre.. quando Pablo mi chiedeva anni fa “ma cosa preferiresti? Vincere uno slam o una medaglia alle olimpiadi?” Io ho sempre risposto “le olimpiadi!”.. E ora sono qui a pensare che non vado alla mia prima olimpiade.. ma alla quarta.. di fila.. sono passati 12 anni dalla prima…”, ha scritto Sara Errani.

Foto di Jason O’Brien / Ansa

Dopo quello che è successo e che ho vissuto negli ultimi anni mi viene solo da piangere a pensare di andare ad un’altra olimpiade.. mi viene da piangere a pensare a quanta dedizione ho sempre messo in quello che ho fatto, quanta passione, quanto sforzo.. non sono mai soddisfatta io, voglio sempre di piu, penso di poter dare sempre di piu, di poter far meglio.. ma qui non posso far altro che fermarmi un attimo e sentire quest’emozione enorme dentro, questa felicita’ nell’avere insistito anche quando avevo davanti degli ostacoli piu’ grandi di me.. La fortuna di poter vivere qualcosa di cosi grande la vorrei condividere con tutti quelli che hanno lottato sempre, che hanno fatto di tutto per realizzare i propri sogni, che avrebbero anche loro meritato un premio cosi grande ma che purtroppo non hanno avuto le mie stesse opportunità.. non penso di meritarmelo più di tanti altri.. ma lo sto vivendo io.. vi porto con me e vorrei potervi “dare” un po’ di tutto questo.. non sempre nello sport vince chi più se lo merita.. sarebbe bello ogni tanto ridimensionare un po’ tutto e dare più valore allo sforzo che non al risultato in sè… Cercherò di onorare questa maglia azzurra facendo del mio meglio.. 🇮🇹🇮🇹🇮🇹 Ci vediamo a Tokyo ❤️“, ha concluso.