Olimpiadi di Tokyo, il dolce pensiero di Diana Bacosi dopo l’argento nello skeet: “non vedo l’ora di chiamare mio figlio”

Diana Bacosi ha parlato dopo la conquista della medaglia d'argento nello skeet femminile alle Olimpiadi di Tokyo, rivolgendo il proprio pensiero al figlio

SportFair

Cinque anni fa si era presa la medaglia d’oro, questa volta si è dovuta ‘accontentare’ di un argento comunque preziosissimo che la tiene sul podio olimpico a distanza di cinque anni. Diana Bacosi chiude al secondo posto la finale di skeet femminile alle Olimpiadi di Tokyo e regala all’Italia l’ottava medaglia di questa rassegna, confermandosi al top del tiro a volo internazionale. Un risultato esaltante per l’azzurra, apparsa piuttosto felice e soddisfatta al termine della gara, nel corso della quale ha sognato anche il bis d’oro.

Diana Bacosi
Foto di Ciro Fusco / Ansa

Le parole di Diana Bacosi

Intervistata dopo l’argento conquistato, Diana Bacosi ha subito rivolto il pensiero a suo figlio: “dopo cinque anni sono ancora qua, avevo voglia di riconfermarmi e fare bene far vedere ancora una volta chi sono sportivamente, so che ho ancora tanto da dare e quindi sono più che soddisfatta. Bis d’oro sfiorato? Si negli ultimi 10 piattelli la testa mi ha giocato un brutto scherzo, più mi dicevo non pensare che vai per l’oro e più il pensiero andava a questa cosa, non riuscivo più a concentrarmi sui movimenti che dovevo fare, però a casa la medaglia l’ho portata. Non vedo l’ora di telefonare a mio figlio“.