Alle Olimpiadi di Tokyo ne succedono di tutti i colori: atleta australiano positivo alla cocaina

Jamie Kermond, atleta che avrebbe dovuto rappresentare l'Australia nell'equitazione, è stato escluso dalle Olimpiadi di Tokyo perché positivo alla cocaina

SportFair

Positivo non al Coronavirus ma alla… cocaina, per questo motivo Jamie Kermond ha dovuto dire addio alle Olimpiadi di Tokyo. L’atleta australiano è stato escluso per non aver superato un controllo anti-doping, dunque non potrà rappresentare il proprio Paese nell’equitazione ai Giochi in programma dal 23 luglio all’8 agosto in Giappone.

La nota dell’Aoc

A darne notizia è stato il comitato olimpico australiano (Aoc), una volta ricevuto l’esito del test effettuato il 26 giugno scorso: “il comitato olimpico australiano è stato messo al corrente dell’accaduto da ‘Sport Integrity Australia’ e ha preso atto della sospensione dell’atleta in questione, Jamie Kermond, positivo per cocaina al test A. Ricordiamo che la cocaina fa parte della lista delle sostanze proibite. Ora a Mr. Kermond è proibita la partecipazione a ogni evento, Olimpiade compresa, per la durata della sua sospensione. A Kermond offriremo comunque il nostro supporto“.