Tremenda beffa per l’Italia ai Giochi: Matteo Berrettini dice addio alle Olimpiadi di Tokyo

Matteo Berrettini salta le Olimpiadi di Tokyo 2021 a causa di un risentimento muscolare: si riduce dunque il contingente azzurro ai Giochi Olimpici

SportFair

Matteo Berrettini non disputerà le Olimpiadi di Tokyo, in programma dal 23 luglio all’8 agosto in Giappone. Reduce dalla vittoria al Queen’s e dalla semifinale di Wimbledon, omaggiata dal Presidente della Repubblica con un invito al Quirinale insieme all’Italia campione d’Europa, il tennista italiano non prenderà parte ai Giochi a causa di un risentimento muscolare che lo obbligherà ad un periodo di stop di 15 giorni, come appreso dall’Ansa in ambienti Coni. Scende dunque il contingente azzurro a Tokyo 2021, restano in tabellone Fognini, Sonego e Musetti nel tabellone maschile e il trio composto da Errani, Paolini e Giorgi in quello femminile. Non è chiaro se sia possibile sostituire Berrettini, la Federazione è al lavoro per capire se ci siano i margini per un cambio dell’ultim’ora.

matteo berrettini
Foto di Paolo Giandotti / Ansa

Il post di Berrettini

Matteo Berrettini ha annunciato il proprio forfait sui social con un post piuttosto toccante: “sono estremamente dispiaciuto di annunciare la mia cancellazione dalle Olimpiadi di Tokyo. Ieri mi sono sottoposto ad una risonanza per controllare l’infortunio alla gamba sinistra che mi sono procurato durante Wimbledon e l’esito non è stato ovviamente positivo. Non potrò competere per alcune settimane e dovrò stare a riposo. Rappresentare l’Italia é un onore immenso e sono devastato all’idea di non poter giocare le Olimpiadi. Faccio un grosso in bocca al lupo a tutti gli atleti italiani, vi supporterò da lontano ma con tutto me stesso“.

Berrettini
Foto di Yoan Valat / Ansa

Le parole di coach Santopadre

A confermare il forfait di Matteo Berrettini alle Olimpiadi di Tokyo ci ha pensato Vincenzo Santopadre, coach del numero uno azzurro: “Matteo s’è procurato questo guaio muscolare quando è caduto durante la semifinale di Wimbledon, poi evidentemente in finale ha forzato e già da lunedì avvertiva dolore. Per fortuna non si tratta del problema addominale di cui aveva sofferto in passato, in quel caso il recupero sarebbe stato molto più lungo e delicato“.