Macché coming out: Lucilla Boari ha solo espresso il proprio amore per la sua ‘Sanne’

Lucilla Boari ha festeggiato il bronzo a Casa Italia e ha ricevuto il messaggio di Sanne de Laat, arciera olandese e sua fidanzata: a cui ha urlato il suo amore

SportFair

Una giornata speciale, impreziosita da una medaglia di bronzo che l’ha resa l’unica arciera della storia italiana a salire sul podio alle Olimpiadi nel tiro con l’arco individuale femminile. Una popolarità arrivata all’improvviso per Lucilla Boari grazie alla vittoria centrata nella finalina contro Mackenzie Brown, forte avversaria statunitense annientata dalla 24enne mantovana con un 7-1 impietoso.

lucilla boari
Foto di Kiyoshi Ota / Ansa

“Lei è Sanne”

Un risultato esaltante festeggiato da Lucilla Boari come di consueto a Casa Italia, non molto lontano dal luogo in cui ha scritto la storia del tiro con l’arco femminile. Un appuntamento trasformatosi ben presto in un momento piuttosto speciale, grazie ai video-messaggi ricevuti da Lucilla per la conquista del bronzo. Il primo di Sandro, suo grande amico e primo tifoso, il secondo invece di Sanne de Laat, arciera compoundista olandese e fidanzata di Lucilla Boari.Lei è Sanne, la mia ragazza” la frase dell’atleta azzurra, capace di ‘urlare’ senza alzare la voce il suo amore nel modo più bello possibile: senza giri di parole e con una semplicità disarmante. Nessun coming out, come molti amano chiamarlo, ma un modo dolce e timido per salutare colei che fa battere il cuore di Lucilla senza condizionamenti e dietrologie.

Lucilla Boari
Foto di Diego Azubel / Ansa

La semplicità

Ti amo tanto, sono molto orgogliosa di quello che hai fatto, non vedo l’ora che ritorni, ti sto aspettando per darti un grande abbraccio”. Un momento bellissimo che fa commuovere Lucilla, diventata improvvisamente una semplice ragazza innamorata della sua compagna, non la fresca medaglia di bronzo nel tiro con l’arco alle Olimpiadi di Tokyo. La felicità negli occhi e la commozione nel cuore: Lucilla Boari ci ha stupito non solo per la sua bravura con l’arco ma anche per la sua semplicità: una qualità che la rende senza dubbio una delle protagoniste azzurre indiscusse di questi Giochi.