5 medaglie in 5 Olimpiadi: Aldo Montano chiude la carriera a 43 anni con uno splendido argento a Tokyo

Aldo Montano dice addio alla scherma nel migliore dei modi: 5 medaglie olimpiche per lo sciabolatore azzurro, mito e fonte di ispirazione per tanti schermidori

SportFair

Oggi è la giornata di due grandi leggende italiane, due miti dello sport azzurro! Da una parte Federica Pellegrini, che nella notte ha disputato il suo ultimo 200 stile libero olimpico, il 5° consecutivo ai Giochi, diventando la prima donna a riuscire in quest’impresa, dall’altra Aldo Montano, anche lui alla sua quinta Olimpiade, che è riuscito a mettersi al collo una bellissima medaglia.

Di Montano si è parlato un po’ meno, rispetto alla nuotatrice azzurra, forse perchè la scherma è uno sport meno popolare, o forse perchè non tutti lo conoscono bene e non tutti erano a conoscenza del suo addio alle gare.

Montano, oggi, si è messo al collo uno splendido argento, da protagonista, nella prova a squadre di sciabola: l’azzurro è stato decisivo in semifinale, quando ha dovuto sostituire l’infortunato Samele, già argento nell’individuale.

A quasi 43 anni, quindi, Aldo Montano è riuscito a conquistare la sua quinta medaglia olimpica: oro individuale e argento a squadre ad Atene 2004, bronzo a squadre a Pechino 2008 e a Londra 2012 e argento a Tokyo 2021, solo a Rio 2016 non è riuscito a salire sul podio.

Un argento che brilla in una maniera incredibile, quello di Aldo Montano, che ha nascosto un problema fisico importante: “un anno e mezzo fa ho scoperto di avere una necrosi progressiva: la protesi, a fine carriera, diventa necessaria. E’ lo scotto per aver gareggiato a lungo“.

Padre di due splendidi bambini, Montano è un mito nel mondo della scherma, idolo di tanti alteti, ispirazione di tanti bambini che hanno iniziato a praticare questo sport proprio guardando le sue imprese in tv.

Una carriera che termina nel migliore dei modi, con una splendida medaglia olimpica: Aldo, sicuramente, non poteva desiderare di meglio.