Muore durante una cerimonia con il Presidente Mattarella: addio a Paola Pigni, leggenda della corsa italiana

E' morta nella giornata di oggi Paola Pigni, grande atleta italiana che nel corso della sua carriera è riuscita a conquistare anche un bronzo olimpico a Monaco 1972

Una tragedia ha colpito il mondo dell’atletica italiana, nella giornata di oggi è morta Paola Pigni, leggenda della corsa italiana. La 75enne si è sentita male nel corso della cerimonia per la Festa dell’Educazione alimentare nelle scuole, a cui era presente anche il Presidente Mattarella. In sala come rappresentante delle Legends di Sport e Salute, Paola Pigni ha accusato un malore dopo l’intervento del Capo dello Stato, un mancamento che ha spinto i medici a trasportarla in ambulanza all’ospedale Sant’Eugenio di Roma. Qui le sue condizioni sono drasticamente peggiorate, così Paola Pigni si è spenta lasciando un vuoto enorme nell’atletica italiana.

Il racconto di Gibilisco

Subito dopo il malore, Paola Pigni è stata aiutata da Giuseppe Gibilisco, campione del mondo dell’asta del 2003: “sono sconvolto, pensavo fosse un mancamento. Abbiamo visto il presidente di Sport e Salute Cozzoli chiedere soccorso e l’abbiamo presa in braccio. Sembrava essersi ripresa tanto che ha chiesto: ‘Perché mi prendete in braccio?’. Faceva per rialzarsi ma poi tornava a sdraiarsi su una panchina. Poi sono arrivati i soccorsi del 118, l’hanno caricata con l’ambulanza e pensavamo che il peggio fosse passato. Invece è successo qualcosa di terribile, sappiamo tutti che la vita è strana, ma questo è troppo“.

Chi era Paola Pigni

Grandissima atleta italiana, Paola Pigni è considerata una vera e propria rivoluzionaria della corsa su lunga distanza. Nel suo palmarès brilla un non solo il bronzo europeo del 1969, ma anche quello olimpico conquistato nel 1972 ai Giochi di Monaco nei 1500 metri. Una distanza su cui poi l’atleta azzurra centrò il record mondiale a 4:12.4 nella Notturna di Milano del 1969, dove superò sul passo anche l’olandese Maria Gommers (4:15.0). Nel corso della sua carriera, Paola Pigni si dedicò anche al cross, specialità in cui vinse due titoli mondiali nel 1973 e nel 1074. Questo il toccante ricordo del presidente del Coni Malagò: “un’atleta grandissima, apripista di tanta atletica. Andremo a Tokyo anche per ricordarla“.