Marvin Vettori vs Israel Adesanya, ‘The Italian Dream’ scatenato in conferenza “eccomi bitch, mi sembri un barbone”

Marvin Vettori e Israel Adesanya si sono sfidati a colpi di trash talking nel corso della conferenza stampa della vigilia del match in programma domani

La sfida tra Marvin Vettori e Israel Adesanya è già cominciata, anche se i due fighters non sono ancora scesi sull’ottagono.

Adesanya
Foto di Michael Dodge / Ansa

Le prime schermaglie tra il detentore del titolo mondiale dei pesi medi UFC e il suo sfidante non se le sono mandate a dire in conferenza stampa, dando vita ad uno scambio di battute piuttosto spinto che ha esaltato i media presenti. Parole di fuoco, un botta e risposta clamoroso con dichiarazioni pesanti e trash talking che in queste occasioni è sempre di casa. Scatenati sia Vettori che Adesanya, con ‘The Italian Dream‘ che ha risposto colpo su colpo alle provocazioni del rivale.

Vettori vs Adesanya in conferenza stampa

Un acceso scambio di battute quello verificatosi in conferenza stampa, ecco le dichiarazioni principali:

Adesanya: “io sono un uomo, se perdo lo accetto e vado avanti a differenza sua, che si aggrappa a una sconfitta come se fosse la sua più grande vittoria, si racconta una favola per convincersi. Ma stavolta non serviranno i giudici, al secondo round andrai giù“.

Vettori: “posso dire lo stesso“.

Adesanya: “guardo la lista delle persone contro cui ha combattuto lui e ne conosco solo una, Hermansson. Questo è qui solo solo perché ha avuto un colpo di culo a trovarsi al numero tre del ranking“.

Vettori: “tu hai perso contro di me, hai perso contro Romero, hai perso contro Blachowicz. Chi hai battuto? Paulo Costa che ha ammesso che la sera prima era ubriaco? Wow“.

Adesanya: “allora fammi i nomi di tre top 10 che hai battuto tu. Vedi? Non dici un cazzo“.

Vettori: “io ci sono sempre stato, sempre, e la gente con me non voleva combattere, mica è colpa mia. E quando hanno accettato li ho battuti. Anche tu hai provato a ignorarmi, ma adesso eccomi qua, bitch“.

Adesanya: “non capisco quello che dice, farfuglia, non sembra quel personaggio dei Goonies?“. Chiaro il riferimento a Sloth, bambino deforme del film cult degli anni 80.

Vettori: “pensi di essere bello tu? Sembri un barbone, guarda come sei vestito!“.