Pioggia e scarsa considerazione: Matteo Berrettini snobbato dagli organizzatori di Wimbledon

Matteo Berrettini esordirà a Wimbledon solo nella giornata di mercoledì e, in caso di vittoria, dovrà tornare in campo giovedì per il secondo turno dello Slam londinese

SportFair

Matteo Berrettini non sarà uno dei sette italiani che scenderanno oggi in campo a Wimbledon, la testa di serie numero 7 in tabellone infatti debutterà solo domani contro l’argentino Guido Pella.

berrettini
Foto di Vickie Flores / Ansa

Una situazione dettata non solo dalla pioggia caduta ieri sull’All England Club, ma anche dalla scarsa considerazione ricevuta dagli organizzatori, che lo obbligheranno in caso di successo a giocare il secondo turno il giorno successivo. Berrettini infatti, se dovesse battere Pella mercoledì, tornerebbe in campo poi giovedì per sfidare il vincente del match tra Bostic Van De Zandschulp, entrato da lucky loser, e il qualificato Gregoire Barrere. Una scelta piuttosto discutibile, che non aiuta affatto Berrettini in questo avvio di Wimbledon, obbligandolo a fare gli straordinari per provare a stacca il pass per il terzo turno.

Proiezioni

matteo berrettini
Foto di Gabriele Seghizzi

Nel caso in cui Berrettini dovesse uscire indenne dai primi due turni, dovrà vedersela presumibilmente con John Isner per un posto negli ottavi di finale, un avversario piuttosto temibile sull’erba. Vincendo poi affronterebbe uno tra Karatsev e Ruud, mentre nei quarti sarebbe pressoché certo il confronto con Zverev. L’eventuale semifinale sarebbe da giocare probabilmente contro Federer o Medvedev, prima della finale in cui dovrebbe esserci Djokovic. Tuttavia appare prematuro lanciarsi in previsioni, Berrettini dovrà infatti prima superare lo scoglio Pella per poi mettere il proprio mirino sui prossimi avversari.