Buio pesto per Valentino Rossi, va di male in peggio per il Dottore: “sono più lento del 2020”

Valentino Rossi ha commentato l'esito del GP di Jerez, conclusosi con un diciassettesimo posto valso il terzo zero consecutivo al pilota del Team Petronas

Terzo consecutivo di fila per Valentino Rossi, che anche a Jerez resta fuori dalla top-15 a causa di un errore commesso nel finale di gara, costatogli comunque solo un punticino. Una stagione maledetta per il Dottore, in netta difficoltà con la M1 del Team Petronas che non gli permette di sfruttare al meglio il proprio potenziale.

Valentino Rossi
Foto di Jose Sena Goulao / Ansa

A rendere ancora più tragica la situazione sono i risultati di Franco Morbidelli, terzo a Jerez e dunque sul podio insieme alle due Ducati di Miller e Bagnaia. “E’ stata una gara difficile alla fine di un week-end altrettanto difficile. Più o meno in gara ho confermato la stessa velocità, ma non era abbastanza” le parole di Rossi a fine gara. “Ho provato a fare dei punti, perché sono stato per buona parte della gara con le due KTM di Tech3, ma quando ho provato a passare Lecuona sono andato largo e mi ha superato anche mio fratello Luca. Alla fine quindi sono rimasto fuori dai punti e questi non sono i risultati che ci aspettavamo. Domani avremo un test ed avremo delle cose da provare, sperando di poter migliorare un po’“.

Più lento

valentino rossi
Foto di Jose Sena Goulao/Ansa

Valentino Rossi ha ammesso di essere addirittura più lento del 2020: “la moto non è la stessa dell’anno scorso, ma sulla carta dovrebbe essere un po’ meglio. Io invece soffro molto e sono più lento rispetto all’anno scorso. Anche le gomme più o meno sono le stesse, ma non riusciamo a trovare lo stesso grip. E’ vero che in MotoGP cambia tutto molto velocemente, proviamo a fare meglio ma a volte non è possibile. Nonostante l’inizio difficile, sento un gran supporto da Razali e da tutta la squadra e mi rende molto felice. Sapevamo che era molto difficile stare davanti, ma pensavamo di fare meglio di così, quindi è un momento difficile, però sento un grande supporto da parte di tutto il team e per questo li ringrazio molto“.

Il prosieguo della stagione

Foto di Jose Sena Goulao / Ansa

Arrivano adesso piste amiche per il Dottore, anche se l’esito di Jerez non lascia tranquillo il pesarese: “qui a Jerez ho vinto tante volte in passato, ma dopo il 2016 ho sempre fatto un po’ fatica, a parte l’anno scorso quando ero riuscito ad essere terzo. Adesso c’è Le Mans, che è una pista sulla carta buona, perché negli ultimi anni sono sempre andato abbastanza bene, tranne l’anno scorso che sono caduto sul bagnato. Poi c’è il Mugello, ma intanto vediamo se domani riusciamo a migliorare un po’ con le cose che abbiamo da provare. Dobbiamo essere ottimisti e cercare di mantenere alte le motivazioni, facendo tutto il possibile per essere più forti“.