Chi è Denis Shapovalov: il canadese che ha messo in difficoltà Nadal agli Internazionali d’Italia

Shapovalov, il giovane canadese di origini russe nato a Tel Aviv, che sta mettendo in difficoltà rafa Nadal agli Internazionali d'Italia: scopriamo tutto sul tennista 22enne

Nato a Tel Aviv nel 1999, ha soli 22 anni il tennista che ha messo in difficoltà Rafa Nadal agli ottavi di finale degli Internazionali d’Italia. Shapovalov ha subito messo in ginocchio il più esperto maiorchino, portando il match in pochissimo tempo sul 4-0.

Chi è Denis Shapovalov

La famiglia di Shapovalov, madre ebrea russa e padre cristiano ortodosso, ha lasciato l’URSS nel 1990 e da Tel Aviv si è trasferita a Toronto quando Denis aveva solo nove mesi, per paura che Israele fosse un posto troppo pericoloso per vivere.

shapovalov
Foto di Rodrigo Jimenez/ Ansa

Shapovalov ha iniziato a giocare a tennis a 5 anni, prendendo lezioni dalla madre, ex tennista dell’Unione Sovietica. Tessa, per garantire un posto vicino casa al figlio per allenarsi, decise così di aprire un’accademia di tennis a Toronto, addestrando Denis e rendendolo un giovane promettente e talentuoso.

Shapovalov, che vive a Nassau, nelle Bahamas e parla inglese e russo, nel 2016, a 17 anni, si è aggiudicato il titolo in singolare a Wimbledon Juniores, battendo De Minaur. Nello stesso anno è riuscito ad arrivare anche in semifinale al Roland Garros ed in finale nel doppio a Wimbledon. L’anno precedente, invece, in compagnia di Auger-Aliassime e Benjamin Sigouin, Shapovalov aveva inoltre vinto la prima Coppa Davis Junior della storia del tennis canadese.

shapovalov
Foto di Rodrigo Jimenez/ Ansa

Nel 2014 ha fatto il suo debutto tra i professionisti. Con grinta e determinazione ha continuato a lavorare sodo, tra Challenger, Masters 1000 e tanti altri tornei fino a riuscire, nel 2017, ad entrare nella top 50 grazie ai risultati negli US Open, diventando così, a 17 anni e 7 mesi, il più giovane ad entrare tra i top 50 dal 2003, quando fu Nadal a entrarvi all’età di 17 anni e 2 mesi. Nel 2018 la situazione continua a migliorare, Shapo, questo il suo soprannome, grazie alla semifinale el Masters 1000 di Madrid riesce a fare il suo ingresso nella Top 30, mentre l’anno successivo conquista il suo prmo titolo, raggiunge la finale in un Masters 1000 entrando così nella top 20.

Lo scorso anno, poi, Shapovalov arrva in semifinale a Roma e riesce a fare anche il suo ingresso in top 10.

Curiosità su Shapovalov

Raccontatosi al sito ATPTour.com, Shapovalov ha raccontato che non può fare a meno delle sue cuffie, con le quali ascolta musica tutto il tempo, ma anche del suo telefono, col quale resta in contatto con le persone a lui care in qualunque parte de mondo esse siano.

Il canadese nato a Tel Aviv ha ammesso di essere un amante dei viaggi, ma di preferire un ritmo un po’ più tranquillo e rilassato rispetto a quello dettato dal tennis e di essere anche una amante del relax e del… letto.