Festa Scudetto a Milano, è polemica sui mancati controlli: “impossibile sanzionare 30mila persone”

La festa Scudetto dei tifosi dell'Inter a Milano ha fatto enormemente indignare politici e medici, sicuri dell'aumento dei contagi nei prossimi 14 giorni

I festeggiamenti dei tifosi dell’Inter per la vittoria del 19° Scudetto hanno scatenato una furiosa polemica, a causa della violazione delle norme anti-Covid vigenti su tutto il territorio italiano.

Festa Inter
Foto di Mourad Balti Touati / Ansa

Ben 30mila, secondo la questura, le persone aggregatesi in piazza Duomo per esultare e godersi il tricolore conquistato dai nerazzurri. Scene che hanno fatto indignare la politica e i vertici del servizio sanitario, intervenuti per esprimere il proprio sdegno su quanto visto a Milano: “festeggiamento come quelli di ieri sono da evitare – le parole del coordinatore del Cts Franco Locatelli a SkyTg24 – gli indici epidemiologici sono migliorati, però abbiamo ancora una circolazione virale che non può essere sottovalutata: non è una situazione che deve indurci a un rilassamento nella responsabilità dei nostri comportamenti“.

LEGGI ANCHE: Inter, è tuo! Festa grande per il 19° Scudetto, migliaia di tifosi per le strade di Milano [GALLERY]

Impossibile sanzionare tutti

Festa Inter
Foto di Mourad Balti Touati / Ansa

Sul tema del mancato intervento delle forze dell’ordine si è soffermata ai microfoni di Agorà Melania Rizzoli, assessore regionale della Lombardia: “ci aspettiamo tra 15 giorni un aumento dei contagi: un assembramento così massivo e importante è davvero preoccupante, tanto più in un periodo così delicato. I controlli? C’erano, ma era impossibile sanzionare 30 mila persone“. Preoccupato infine anche il virologo Pregliasco: “gli effetti si vedranno tra 14 giorni, da metà maggio in poi: temo che ci sarà un incremento dei casi, non una nuova ondata ma un’onda di risalita. La speranza è che la vaccinazione dei più fragili possa riequilibrare la situazione, così come confidiamo in condizioni meteo più favorevoli, con più tempo trascorso all’esterno“.