Non c’è pace per l’Inter, Romelu Lukaku nel mirino dei carabinieri: la ricostruzione

Romelu Lukaku e altre 23 persone sono state identificate e multate per una festa clandestina organizzata la scorsa notte in un hotel del centro di Milano

Nuova grana per l’Inter dopo la lite tra Antonio Conte e Lautaro Martinez, al centro della bufera questa volta è finito Romelu Lukaku per aver organizzato una festa clandestina per il suo compleanno. L’attaccante belga è stato beccato dai carabinieri alle 3 di notte, dunque a distanza di alcune ore dal fischio finale di Inter-Roma, in un hotel del centro di Milano insieme a lui altre 23 persone tra cui i compagni Hakimi, Young e Perisic.

I fatti

Lukaku
Foto di Elisabetta Baracchi / Ansa

Stando a quanto riferito dai militari della Compagnia Milano Duomo e del Nucleo Radiomobile, Romelu Lukaku è stato identificato e multato insieme ad altri 23 individui per aver violato la normativa sul contenimento del Covid-19. Guai grossi anche per il direttore del ristorante dell’albergo che ha organizzato la festa, il quale verrà a sua volta sanzionato così come i presenti alla festa.