Di madre in figlio: la famiglia Tsitsipas e quello speciale legame col Masters 1000 di Monte-Carlo

Il trionfo di Monte-Carlo era scritto nel destino: Tsitsipas si unisce alla madre Julia nell'albo dei vincitori del torneo del Principato

Tsitsipas è il nuovo principe di Monte-Carlo: il 22enne di Atene ha battuto in finale il russo Rublev e si è aggiudicato la sua prima vittoria in un Masters 1000. Un successo che era scritto nel destino di Tsitsipas.

La famiglia sportiva

tsitsipas
Foto di Sebastien Nogier/ Ansa

Stefanos Tsitsipas è nato in una famiglia con una grande eredità sportiva. Suo nonno, Sergei Salnikov, ha conquistato una medaglia d’oro nel calcio ai Giochi Olimpici del 1956 a Melbourne, ma è stato un altro membro della famiglia sportiva che è stato fonte d’ispirazione per uno dei suoi più grandi trionfi nell’ATP Tour.

Il legame  speciale con Monte-Carlo

tsitsipasTsitsipas, con la vittoria di domenica a Monte-Carlo, si è unito a sua madre, nell’albo d’oro del torneo del Principato. Julia Salnikova, madre di Tsitsipas, è stata una tennista professionsita e nel 1981 ha vinto al Country Club di Monte-Carlo il titolo junior del torneo.

Condividere questo è incredibile. La prima volta che sono entrato in quel club, il Monte-Carlo Country Cub, con mia madre, penso sia stato quando avevo sei anni. Mi ha mostrato il suo nome lassù. Ricordo di averlo visto per la prima volta. Sono rimasto sbalordito. Ero tipo, ‘Wow. È davvero fantastico. “Quanto è bello?“”, ha raccontato il giovane Stefanos dopo il suo successo.

tsitsipasNon ci ho pensato all’inizio del torneo, ma mi è venuto in mente quando stavo giocando le semifinali. Pensavo che sarebbe stato davvero bello essere legati a questo torneo in questo modo, come madre e figlio. Così mi sono sentito di dover fare di più e meglio, ho trovato la mia ispirazione per essere lì con mia madre“, ha aggiunto Tsitsipas, che ha dedicato il suo successo a Monte-Carlo all’allenatore e alla madre.

Il segreto per gestire la pressione

tsitsipas
Foto di Sebastien Nogier/ Ansa

Una settimana ricca di emozioni quella di Monte-Carlo per Tsitsipas: il greco ha svelato il suo segreto per gestire la pressione dovuta a quel successo di sua madre e alla possibilità di aggiudicarsi il primo titolo Masters 1000. “La respirazione è qualcosa su cui ho lavorato negli ultimi due mesi con il mio psicologo. Trovo molto importante respirare, soprattutto quando mi esibisco o gioco. La respirazione mi aiuta a controllarmi e ad avere il pieno controllo di ciò che sto facendo là fuori“, ha raccontato il greco, diventato il terzo giocatore attivo a vincere il suo primo Masters 1000 senza perdere un set.

“È sicuramente qualcosa su cui ho lavorato molto nelle ultime due settimane con lui. In realtà, questa settimana più delle altre, farlo quotidianamente dopo ogni singola partita che ho giocato … Quando respiri bene, sento che il tuo gioco è in grado di raggiungere il massimo”, ha aggiunto.