Da insegnante di musica a prima ciclista afroamericana professionista: la scelta vincente di Ayesha McGowan

Ayesha McGowan è diventata la prima ciclista professionista afroamericana, un traguardo raggiunto nel giro di 7 anni, da quando ha lasciato la sua vecchia vita per dedicarsi alla bici

SportFair

Da insegnante di musica a ciclista professionista. Il passo è tutt’altro che breve, ma Ayesha McGowan ha deciso comunque di compierlo.

ph. Instagram Ayesha McGowan

Una scelta coraggiosa e soprattutto vincente, perché nel giro di 7 anni dalla decisione di cambiare completamente la propria vita, l’atleta nata nelle campagne della Georgia ha realizzato il proprio sogno, diventando la prima afroamericana a firmare un contratto come ciclista professionista. L’illuminazione è arrivata nel 2014 all’età di 27 anni, quando Ayesha McGowan lavorava come insegnante di musica in un asilo nido di Brooklyn. La bici però è sempre rimasta nella sua mente e nei suoi sogni, finché Ayesha non ha deciso di aprire quel cassetto tenuto serrato per percorrere altre strade.

La passione

L’amore per la bicicletta nasce all’età di 5 anni, quando Ayesha McGowan sale per la prima volta in sella e ne rimane estasiata, scorazzando per le campagne di Decatur, cittadina della Georgia in cui nasce. A 13 anni decide che il ciclismo è la sua strada, ma non ha né orizzonti e nemmeno una squadra con cui allenarsi, dal momento che giovani afro-americane sono viste con sospetto negli Stati Uniti. Così Ayesha si concentra sulla musica e sul violino, laureandosi al Berklee College of Music e diventando insegnante di musica. Lavora nelle scuole e dà lezioni private, ma la vittoria di un’importante gara ciclistica a New York la spinge all’età di 27 anni a cambiare vita e a dedicarsi allo sport.

Sette anni dopo

Una bicicletta può portarti ovunque“, questo lo slogan di Ayesha McGowan che, nel giro di sette anni, diventa la prima donna afro-americana a correre, da ciclista professionista, con un vero contratto. A darle fiducia è la Liv Racing World Team, club con cui la statunitense si sta allenando in questo periodo sulle strade Toscana. “La gioia che provo quando pedalo non è paragonabile a nulla” le parole di Ayesha, diventata un simbolo per coloro che sperano di cambiare la propria vita, ma desistono per paura dei pregiudizi. Ostacoli difficili da superare ma tutt’altro che insormontabili perché, come insegna la storia di Ayesha McGowan, nella vita se vuoi… puoi!