Due anni fa l’annuncio shock, ma adesso la leucemia è solo un vecchio ricordo per Rikako Ikee: staccato il pass per Tokyo 2020

Rikako Ikee ritrova il sorriso: la giovane promessa del nuoto giapponese stacca il pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020 a due anni dalla diagnosi di leucemia

Due anni fa l’annuncio shock, oggi il sorriso speciale per aver raggiunto un traguardo altrettanto speciale. Rikako Ikee ha staccato oggi il pass per le Olimpiadi di Tokyo. La nuotatrice giapponese ha registrato il tempo valido per la staffetta mista 4×100 due anni dopo aver scoperto di avere la leucemia.

L’annuncio di due anni fa

A febbraio del 2019, Rikako Ikee, la prima donna ad essere stata scelta come Most Valuable Player ai Giochi Asiatici del 2018, ha annunciato su Twitter la sua malattia: “Non riesco ancora a crederci e sono in uno stato confusionale.Tuttavia, è una malattia che può essere curata completamente se trattata correttamente“,

Le cure

La giovane nuotatrice giapponese è stata in ospedale per 10 lunghissimi mesi nel 2019 e solo a dicembre di quell’anno è inziata la sua nuova vita. Rikako Ikee, proprio a fine del 2010, infatti, ha potuto lasciare l’ospedale per tornare a casa. Con una lunga lettera, la nuotatrice ha spiegato ai suoi fan che parallelamente alle cure contro la malattia si sarebbe potuta anche allenare. Il suo obiettivo, ai tempi, era quello di poter gareggiare alle Olimpiadi 2024, ma la giovane promessa del nuoto giapponese è riuscita a fare di meglio, assicurandosi un posto a Tokyo 2020. Il rinvio per Covid ha sicuramente aiutato la nuotatrice che ha avuto un anno in più per lavorare e staccare il pass per la rassegna a Cinque Cerchi.

LEGGI ANCHE: Sulle mani il messaggio, nel cuore la dolcezza: sul podio di Gwangju c’è anche… Rikako Ikee

L’emozione di Rikako Ikee

Non avevo lo stesso livello di fiducia che mi guidava 5 anni fa. Pensavo che avrei dovuto aspettare ancora del tempo prima di tornare a vincere“, ha dichiarato la nuotatrice giapponese al termine della gara che le ha regalato il pass per Tokyo 2020.