E’ morto Paul Ritter, l’attore di ‘Chernobyl’ e ‘Harry Potter’ ucciso da un tumore al cervello

La morte di Paul Ritter ha scosso il mondo del cinema, l'attore britannico ha recitato nella serie 'Chernobyl' e in 'Harry Potter e il principe mezzosangue'

Una triste notizie scuote il mondo del cinema, nelle scorse ore è stata confermata la morte di Paul Ritter, famoso attore britannico scomparso all’età di 55 anni a causa di un tumore al cervello.

A darne notizia è stato il suo portavoce, che ha ricordato ai microfoni del Guardian le straordinarie capacità dell’attore: “è con grande tristezza che possiamo confermare che Paul Ritter è morto ieri sera. È morto pacificamente a casa con sua moglie Polly e i figli Frank e Noah al suo fianco. Aveva 55 anni e soffriva di un tumore al cervello. Paul era un attore di eccezionale talento che ha interpretato un’enorme varietà di ruoli sul palcoscenico e sullo schermo con straordinaria abilità. Era intelligente, gentile e molto divertente. Ci mancherà moltissimo“. Nel corso della sua carriera, Paul Ritter ha recitato in ‘Harry Potter e il principe mezzosangue‘ interpretando il ruolo di Eldred Worple, per poi comparire anche al fianco di Daniel Craig in Quantum of Solace.

Chernobyl

A dargli popolarità però è stata senza dubbio la serie ‘Chernobyl‘, nella quale ha interpretato la parte di Anatoly Dyatlov, vice-ingegnere capo della centrale nucleare esplosa in Ucraina. L’attore britannico è stato anche nominato ad un Tony Award per le proprie interpretazioni teatrali, mondo in cui ha esordito per poi passare al cinema. Paul Ritter è morto all’età di 55 anni (compiuti a inizio marzo) presso la propria abitazione, circondato dalla moglie Polly e dai figli Frank e Noah.