Insulti sessisti per una foto con Asensio: il caso Misa Rodriguez e il ‘cancro social’ nel calcio

Insulti sessisti sono arrivati sui social nei confronti di Misa Rodriguez, portiere del Real Madrid femminile, colpevole solamente di aver postato una foto con Asensio

Più il mondo va avanti e più torna indietro. Sembra una contraddizione, invece è la realtà. Il progresso si sta rivelando purtroppo un’arma a doppio taglio per un pianeta sempre più schiavo dei social, colpevoli di aver dato ampi margini di… manovra a individui lontani anni luce dal concetto di ‘homo sapiens’. Gli insulti sessisti rivolti a Misa Rodriguez ne sono solo l’ultimo esempio, parole crudeli e ignobili servite solo a rovinare la giornata al portiere del Real Madrid femminile, costretta a cancellare un post innocuo per colpa di quegli sciacalli del web che non hanno altro obiettivo nella vita se non quello di insultare.

L’accaduto

Una situazione vergognosa quella capitata a Misa Rodriguez, bersaglio di insulti sessisti e razzisti per ‘colpa’ di una semplice foto postata sui propri canali social. Un collage raffigurante l’esultanza della calciatrice spagnola e quella di Marco Asensio, pubblicata per celebrare il successo del Real Madrid sul Liverpool nell’andata dei quarti di finale di Champions League. Una foto che, invece di attirare per lo più likes e condivisioni, ha spinto i leoni da tastiera a insultare Misa Rodriguez e a descriverla come una poco di buono, con commenti di questo genere: “vuoi portartelo a letto“, “Chi sei tu“. Messaggi che hanno spinto il portiere spagnolo a cancellare la foto, per la vergogna provata nel leggere certe frasi.

I messaggi di sostegno

Il primo ad intervenire a sostegno di Misa Rodriguez è stato proprio Marco Asensio, tornato a pubblicare la foto cancellata dalla calciatrice spagnola con questa didascalia: “la stessa passione, che niente e nessuno ti impedisca di dire quel che pensi“. Un messaggio seguito poi da quello di altri giocatori del Real Madrid come Vinicius, Fede Valverde, Carvajal, Casemiro, Marcelo, Varane e Lucas Vázquez che hanno postato a loro volta altri messaggi sui propri canali social per sostenere Misa. Oltre ai calciatori, anche alcuni club si sono schierati dalla parte del portiere spagnolo del Real femminile, tra cui anche i rivali del Barcellona che hanno pubblicato una foto di Leo Messi e Mariona Caldentey con la frase “stessa passione” e due foto in cui compaiono entrambi mentre celebrano un gol allo stesso modo: con le braccia alzate e l’indice delle mani verso il cielo. Un messaggio importante contro una piaga che continua a rovinare il calcio, mandando il mondo sempre più indietro nonostante continui inutilmente ad andare avanti.