Tremendo incidente in NASCAR Cup, l’auto di Logano decolla in pista: sfiorata la tragedia [VIDEO]

Tanto spettacolare quanto pericoloso l'incidente di Joey Logano in NASCAR Cup, la Ford dell'americano è letteralmente decollata in mezzo alla pista

Tremendo incidente avvenuto in NASCAR Cup con protagonista Joey Logano, cappottatosi numerose volte dopo un contatto con Bubba Wallace durante il finale della Stage 1 nella tappa di Talladega. Il pilota statunitense se l’è vista davvero brutta, evitando per un pelo di essere travolto dalle auto alle sue spalle, riuscite ad evitarlo e a proseguire la propria gara. La carambola è stata innescata come anticipato da un contatto tra Wallace e Logano, che ha fatto letteralmente decollare la Ford Mustang dell’americano. Salvo per miracolo il pilota, molto più fortunato rispetto al collega Ryan Newman, che nel 2020 finì in ospedale dopo essere stato travolto dai rivali alla Daytona 500.

Il racconto di Logano

Interrogato subito dopo l’incidente, Joey Logano si è detto felice di essere tutto intero, ma non ha lesinato una frecciata all’organizzazione: “onestamente non so che dire, da un lato sono cose che so che possono accadere nelle corse e sono orgoglioso di poter guidare una macchina così sicura come una NASCAR Cup, che dopo un incidente del genere mi ha consentito di essere qui a parlarne. Per questo ringrazio il Team Penske per averla preparata benissimo” le parole di Logano a FOX Sports. “Dall’altro lato, pur dicendo che gli incidenti fanno parte del gioco, mi chiedo quando la finiremo con certe situazioni così pericolose mentre corriamo. Mi sono capottato e ho rischiato di finire come Ryan Newman. Sono contento di essere vivo, ma così è inaccettabile. Non credo sia colpa di nessuno perché ognuno stava facendo la sua gara per provare a vincere, però va risolto il problema. Qualcuno si è già fatto male e il rischio che accada nuovamente c’è. Non mi pare una situazione molto intelligente, mi è andata benissimo che nessuno mi abbia colpito mentre ero in aria“.

Il video dell’incidente di Logano: