Il dramma di Canelo Alvarez, rapito il fratello in Messico poco prima di un match

Canelo Alvarez ha rivelato un tremendo aneddoto riguardante il fratello, rapito in Messico nel 2018 poco prima di un suo match piuttosto importante

SportFair

Sabato 8 maggio è una data cerchiata in rosso per gli appassionati di boxe, pronti a godersi il match tra Canelo Alvarez e Billy Joe Saunders, confronto delicatissimo valido per la riunificazione delle cinture iridate dei supermedi.

Canelo Alvarez
Foto di Ed Mudholland / Ansa

Il messicano metterà in palio quelle WBA e WBC, mentre il forte britannico quella WBO: colui che riuscirà a prevalere sul ring di Arlington (USA) diventerà il campione del mondo dei pesi supermedi. A pochi giorni dall’importante match, Canelo Alvarez ha rivelato un tremendo aneddoto a ‘In Depth’, il podcast del giornalista Graham Bensinger, spiegando come nel 2018 abbia negoziato con dei malviventi che avevano rapito suo fratello.

Le parole di Canelo

Canelo Alvarez
Foto di Ed Mudholland / Ansa

Il pugile messicano ha rivelato come tutto sia avvenuto prima del match contro Rocky Fielding del dicembre del 2018, quando difese i titoli WBA e WBC vincendo per ko tecnico alla terza ripresa. “Per tre giorni ho negoziato con quegli stronzi in modo che lo lasciassero andare. E dopo aver negoziato, stavo ancora pensando, immagina se questa fosse stata mia figlia, mia madre, mio ​​padre” le parole di Canelo Alvarez. “Per me sarebbe stato ancora più difficile. E per di più, il sabato successivo ho dovuto combattere e fare mille interviste e tutto il resto, e nessuno sapeva niente”.