“Ho avuto paura di morire”, incubo Covid per Adriano Galliani: il racconto di 10 giorni terribili

Adriano Galliani ha parlato della sua terribile esperienza con il Covid, ammettendo di aver avuto paura di morire dopo essere entrato in terapia intensiva

SportFair

L’incubo Covid è alle spalle, ma Adriano Galliani se l’è vista davvero brutta. L’amministratore delegato del Monza ha fatto i conti con la malattia che sta spaventando il mondo, finendo addirittura in terapia intensiva, dalla quale è uscito solo dopo dieci giorni di pesanti cure. Senza dubbio il periodo peggiore della vita dell’ex ad del Milan, riuscito ad andare avanti grazie all’appoggio della sua famiglia e di Silvio Berlusconi, che non gli ha fatto mai mancare la sua vicinanza tramite messaggi e telefonate.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, paura per Adriano Galliani: l’ad del Monza costretto al ricovero in ospedale

Il racconto di Galliani

ph. sito Monza

Una volta messosi alle spalle questa terribile esperienza, Galliani ha raccontato le sue sensazioni ai microfoni del Corriere della Sera: “non vedevo nulla, avevo davanti a me solo un muro. Il reparto di terapia intensiva non ha finestre. All’interno ci sono solo letti. Da domenica 7 marzo al 17 sono stato in terapia intensiva, i dieci giorni più brutti della mia vita. Ho temuto di morire. Per il calcio e per il mio lavoro ho girato il mondo e ho avuto la migliore sorte di andare negli alberghi di lusso. Eppure una volta entrato in un reparto normale mi sono subito detto: ‘non c’è Four Season che tenga’. Berlusconi? Silvio è la mia famiglia, mi scriveva continuamente e mostrava affetto. Era preoccupato per me“.

Di Ernesto Branca

Nato a Reggio Calabria il 6 ottobre 1989, è un appasionato di sport. Laureato nel 2015 in Giurisprudenza, scrive per SportFair dal 2015