Non si scherza con la ‘cazzimma’ di Gattuso

Gennaro Gattuso ha dato un ulteriore segnale alla sua squadra, cacciando dall'allenamento Mario Rui per il suo atteggiamento: è la quarta volta che accade

Il Napoli arranca, il gioco della squadra non convince ma Gennaro Gattuso continua a tenere in pugno l’ambiente azzurro. Impossibile che qualcosa vada storto dal punto di vista comportamentale, perché l’allenatore calabrese ha sempre ben chiaro il polso della sua squadra, sapendo scegliere bene il momento in cui intervenire. Il pari di Reggio Emilia contro il Sassuolo ha creato delle tensioni, ma Rino ha dimostrato di saperle gestire alla grande: prima con Lorenzo Insigne in campo e poi con Mario Rui il giorno successivo in allenamento.

LEGGI ANCHE: Sassuolo-Napoli, Insigne litiga con Gattuso e insulta i suoi compagni: “squadra di me**a” [VIDEO]

Cacciato

Gattuso
Foto di Paolo Magni / Ansa

Se il capitano del Napoli se l’è cavata con una ramanzina per il comportamento tenuto all’uscita dal terreno di gioco del Mapei Stadium, peggio è andata a Mario Rui che è stato cacciato dall’allenamento di giovedì. Gennaro Gattuso ha notato la scarsa intensità messa dal terzino portoghese durante il lavoro, così ha deciso di cacciarlo dal campo e di mandarlo anzitempo negli spogliatoi. Il giocatore, costretto a fare i conti con la cazzimma del suo allenatore, non ha replicato alla sua decisione, per evitare ulteriori tensioni che avrebbero potuto far precipitare la situazione. Uno strappo che potrebbe essere ricucito in breve tempo, basterà infatti che Mario Rui si prenda le proprie responsabilità, spingendo così Gattuso a convocarlo per la gara con il Bologna.

Precedenti

Foto di Paolo Magni / Ansa

Non è certamente la prima volta che Gennaro Gattuso arriva a prendere questa decisione nei confronti dei propri giocatori, nella sua esperienza al Napoli è successo in altre tre occasioni. Una volta con Allan, allontanato dal terreno di gioco prima di un match con il Cagliari. Stessa decisione presa all’indirizzo di Lozano, mandato anzitempo sotto la doccia alla vigilia della finale di Coppa Italia giocata la scorsa stagione. Infine, la terza volta è toccato a Ghoulam e allo stesso Mario Rui proprio in occasione della trasferta di Bologna all’andata, quando entrambi finirono in tribuna per il loro comportamento in allenamento. Un segnale positivo che lega tutti e tre questi episodi però c’è e riguarda i risultati delle partite successive ai provvedimenti, tutte vinte dal Napoli. Che sia dunque di buon auspicio la cacciata di Mario Rui? Non resta che attendere il match con il Bologna per scoprirlo.