Instancabile Federica Pellegrini, menù ricco agli Assoluti di nuoto: la Divina esagera con 6 gare

Federica Pellegrini sarà la stella degli Assoluti primaverili di nuoto in programma a Riccione, la Divina parteciperà a ben sei diverse gare tra cui i 200 stile libero

Non c’è più tempo da perdere, gli Assoluti primaverili di nuoto sono l’ultima occasione per Federica Pellegrini di staccare il pass per le Olimpiadi di Tokyo. Un traguardo da non fallire per la Divina, decisa a centrare per la quinta volta i Giochi e chiudere la sua carriera con un risultato da leggenda. Nella vasca di Riccione, la nuotatrice azzurra dovrà non solo vincere, ma farlo con il crono di 1’56″99 nei 200 stile libero, ossia la sua specialità fin da quando ha iniziato a impressionare il mondo alle Olimpiadi di Atene 2004, quando si prese un sorprendente argento.

LEGGI ANCHE: Assoluti primaverili di nuoto, la tabella dei tempi-limite per andare a Tokyo

Le 6 gare agli Assoluti

Pellegrini
Foto di Felice De Martino / Ansa

Gli Assoluti primaverili di Riccione potrebbero essere gli ultimi campionati italiani per Federica Pellegrini, per questo la Divina si sta preparando alla grande per lasciare il segno. I suoi impegni dal 31 marzo al 3 aprile non riguarderanno solo i 200 stile libero femminili, bensì altre 5 distanze in cui la nuotatrice veneta ha intenzione di impressionare. I suoi tifosi potranno ammirarla anche nei 50 stile libero, dove andrà in scena la sfida con la ranista Benedetta Pilato, nei 100 stile libero e anche nei 200 e 400 stile libero. Come se non bastasse, Federica Pellegrini sarà in vasca anche per i 100 e i 200 dorso, completando così un programma ricchissimo che la Divina ha intenzione di onorare alla grande.

LEGGI ANCHE: Assoluti primaverili di nuoto, si va a caccia dei pass olimpici: le gare e il programma completo

Il no al pass olimpico

Pellegrini
Foto di Filippo Venezia / Ansa

E pensare che Federica Pellegrini avrebbe potuto affrontare gli Assoluti primaverili di nuoto senza l’assillo del cronometro, visto che il dt Cesare Butini avrebbe voluto assegnarle di diritto il pass per i Giochi, considerando la sua esperienza con il Covid. La stella azzurra però ha deciso di rifiutare, preferendo conquistarsi in acqua il biglietto per Tokyo, così come puntano a fare tutti gli altri nuotatori azzurri presenti a Riccione: “mi sento come una 15enne innamorata del nuoto, inseguo Tokyo ma non certo sconti” le sue parole riportate su La Stampa. La ‘preparazione’ di Marsiglia, dove la Pellegrini ha sfidato le migliori atlete europee sui 200, è servita per avvicinarsi con maggiori consapevolezze agli Assoluti, dove l’obiettivo sarà quello di vincere e di nuotare il tempo limite previsto (1’56″99) nella sua specialità.

Vincere e convincere

Federica Pellegrini
Foto di Patrick Kraemer / Ansa

Sicuramente non ci saranno avversarie all’altezza di Federica Pellegrini nei 200 stile libero, ma la vittoria non basterà per andare a Tokyo. La Divina dovrà prendersi quel tempo-limite per festeggiare il pass per la quinta Olimpiade della sua carriera, sicuramente l’ultima considerando l’età. Nel caso in cui la campionessa azzurra dovesse qualificarsi, comincerà il lungo avvicinamento alla kermesse a cinque cerchi, dove l’obiettivo sarà quello di interpretare un ruolo di alto profilo per conquistare l’ultimo grande risultato della sua carriera. Il percorso inizia a Riccione con gli Assoluti, un ostacolo importante da superare per costruirsi poi quel futuro a breve termine che Federica Pellegrini si è già immaginata perfettamente dentro di sé