Pochi sorrisi e futuro incerto: Hamilton è sempre più lontano dalla Mercedes

Lewis Hamilton è apparso poco sorridente e già proiettato a un futuro lontano dalla Mercedes: prima della fine del 2021 arriverà la decisione sul 2022

Pochi sorrisi, qualche accenno al proprio futuro e una frase che ha lasciato di stucco non solo la Mercedes ma anche i tifosi collegati in streaming: “ho vinto più di quanto sognassi in F.1. Non c’era necessità di programmare il futuro a lungo termine“.

Foto di Kenan Asyali / Ansa

Lewis Hamilton ha catalizzato su di sé tutte le attenzioni durante la presentazione della nuova W12, passata in secondo piano al cospetto dello stato d’animo del sette volte campione del mondo, apparso più fuori che dentro all’ambiente Mercedes, nonostante le frasi di rito sulla voglia di continuare a vincere. Il singolo anno di contratto induce a porsi delle domande sul proprio futuro, a cui verranno trovate delle risposte prima della fine del 2021, come ammesso da Toto Wolff: “abbiamo stabilito di discutere del 2022 e degli anni seguenti al più presto, certo prima che finisca questa stagione. Sentiremo che cosa deciderà Lewis“.

LEGGI ANCHE: Riflettori accesi sulla più ‘odiata’, Mercedes presenta la nuova W12 con… l’incognita Hamilton

Quale futuro per Hamilton

Foto di EPA/Kenan Asyali / Ansa

Quello che sta per cominciare appare ogni giorno di più come l’ultimo anno di Lewis Hamilton al volante della Mercedes, ma certezze al momento non ce ne sono. Il pilota britannico, fresco di cavalierato attribuitogli dall’Inghilterra, continua a interrogarsi sul proprio futuro e su cosa concentrarsi nei prossimi anni. La passione per le corse e per la Formula 1 c’è ancora, ma sembra che non occupi l’intera mente di Hamilton, concentrato anche su altri temi come la lotta al razzismo e l’aiuto per le minoranze. Situazioni che potrebbero giovare delle vittorie di Lewis, sfruttando una cassa di risonanza maggiore, ma il sette volte campione del mondo potrebbe anche decidere di non far leva sulla Formula 1 per portare avanti le proprie battaglie.

LEGGI ANCHE: Lewis Hamilton, il numero 44 e quella targa che lo ha folgorato

Le parole di Hamilton

Le ammissioni del pilota della Mercedes non lasciano tranquillo il team e soprattutto Toto Wolff, forse consapevole in cuor suo come il 2021 potrebbe essere l’ultimo di Lewis Hamilton a Brackley. Il pilota inglese non lo ha ammesso, ma le frasi espresse durante la presentazione non hanno lasciato dubbi: “amo ancora correre e sono pienamente coinvolto in quello che faccio. Andare avanti non dipenderà dalla vittoria o meno dell’ottavo titolo. Non voglio che sia un fattore decisivo. Invece voglio essere sicuro di sorridere quando infilo il casco ed esco dai box. Abbiamo fatto molto ma dobbiamo ancora fare tanto, con azioni concrete, perché il mondo migliori. Il cambiamento è possibile e necessario. Ne parlerò con Stefano Domenicali in Bahrain. L’anno scorso ci siamo inginocchiati, un gesto simbolico che ha avuto un grande impatto, però non basta. Bisogna creare opportunità per le persone. Sono fiero che la Mercedes abbia creato un programma con le scuole di Londra e investito in una Fondazione a favore delle minoranze“.

La Mercedes senza Hamilton

Foto di EPA/Jenifer Lorenzini / Ansa

In questo momento storico, Toto Wolff e i suoi uomini non hanno allacciato alcun tipo di rapporto per individuare l’eventuale sostituto di Lewis Hamilton. Prima di compiere qualsiasi passo, il team principal austriaco ha intenzione di valutare con il sette volte campione del mondo il suo futuro, per poi decidere come muoversi.

Foto di EPA/Giuseppe Cacace / Ansa

Nel caso in cui il britannico dovesse decidere di chiudere il proprio rapporto con la Mercedes, a quel punto Wolff valuterà le prossime mosse stabilendo se lanciare l’assalto a Max Verstappen oppure virare su George Russell, già sotto contratto con la Mercedes. “Sentiremo che cosa deciderà Lewis, mentre Bottas sa di avere il destino nelle proprie mani e da questo dipenderà anche la posizione di Russell” le parole di Wolff durante la presentazione. “Nel frattempo non corteggiamo nessun altro: Max Verstappen è un giovane fantastico, ma prima vogliamo trattare con i nostri piloti“.

La situazione dunque resta in divenire, la Mercedes prepara il 2021 ma resta con l’incognita Hamilton: i prossimi mesi saranno decisivi per capire quale sarà il futuro del pilota più vincente della storia.