Dalla presidenza del Barcellona al carcere: il baratro di Josep Maria Bartomeu

Arrestato nella giornata di oggi Josep Maria Bartomeu, l'ex presidente del Barcellona accusato di aver ingaggiato una società per screditare personaggi a lui invisi

SportFair

Scandalo in Spagna, precisamente nella città di Barcellona, dove Josep Maria Bartomeu è stato arrestato nell’ambito dell’operazione denominata ‘BarçaGate‘. L’ex numero uno del club blaugrana è finito in manette per aver assunto, tramite alcuni membri del proprio management, una società dedita a generare contenuti diffamatori in rete, con l’obiettivo di screditare persone critiche nei confronti del Barcellona.

L’accusa

Messi
Foto di EPA/Alejandro Garcia / Ansa

Josep Maria Bartomeu, secondo quanto filtra dai media spagnoli, è stato arrestato per aver ingaggiato la società I3 Ventures, con il compito di screditare sui social e sulla stampa alcune personalità colpevole di aver arrecato danno al Barcellona. Utilizzando account social fittizi, l’obiettivo dell’azienda assoldata da Bartomeu era quello di spingere l’opinione pubblica a criticare aspramente questi personaggi, alcuni dei quali si sono rivelati essere anche calciatori del Barcellona.

LEGGI ANCHE: Caso Messi, è caccia alla talpa: tutti gli indizi portano al… Barcellona

Piqué e Messi

Bartomeu
Foto di Quique Garcia / Ansa

Nel mirino di Josep Maria Bartomeu sono finiti Gerard Piqué e Lionel Messi, colpiti dall’azienda ingaggiata dall’ex presidente del Barcellona per situazioni diverse. Il difensore catalano è stato criticato per il suo ruolo di uomo d’affari, venendo preso di mira per i suoi rapporti con il mondo del tennis e della Coppa Davis. Messi invece è stato danneggiato insieme alla moglie Antonella per i ritardi nella firma del rinnovo di contratto, subendo pesantissimi attacchi social da parte di account risultati poi essere fittizi. I dettagli dell’inchiesta li ha rivelati Cadena Ser, rivelando come nel mirino di questa agenzia ingaggiata da Bartomeu fossero finiti in passato anche Pep Guardiola e Xavi, la cui immagine fu danneggiata per i contrasti emersi con l’allora presidente blaugrana. Oggi l’intervento delle forze d’ordine, a rendere ancora più torbida una storia che rischia di costare carissima a Bartomeu.

Condividi