Lifting a Maranello, novità nell’organigramma Ferrari: Binotto ‘lascia spazio’ a Mekies

Novità nell'organigramma Ferrari in vista della prossima stagione, Mattia Binotto potrebbe lasciare alcune sue mansioni a Mekies per seguire il progetto 2022

La Ferrari si rifà il look, ma in maniera tutt’altro che drastica. L’organigramma del team di Maranello va verso un lifting, che potrebbe coinvolgere la figura più importante della Gestione Sportiva, ovvero quella di Mattia Binotto.

Binotto
Foto di Srdjan Suki / Ansa

Il team principal della Ferrari già nella stagione 2020 aveva iniziato a defilarsi leggermente, evitando di partecipare ad alcuni Gran Premi e lasciando il ponte di comando a Laurent Mekies. Proprio in quest’ottica, il direttore sportivo francese potrebbe aumentare i propri poteri, affiancandosi quasi allo stesso Binotto.

LEGGI ANCHE: Dal ridisegnato air-scoop ai… radiatori: tutti i segreti della nuova Ferrari SF21

Nuove mansioni

Binotto
Foto di EPA/Zsolt Czegledi / Ansa

Mattia Binotto sarà impegnato nei prossimi mesi a seguire da vicino lo sviluppo tecnico della monoposto 2022, un progetto particolare perché completamente diverso rispetto a quelli degli ultimi anni. Il regolamento cambierà drasticamente, dunque il team principal della Ferrari sarà molto più presente a Maranello per seguire passo passo la nascita della nuova vettura. Per questo motivo, Laurent Mekies affrancherà Binotto da alcune mansioni, guidando il team in alcuni Gran Premi, mentre Iñaki Rueda riceverà altri compiti di carattere sportivo finora ricoperti dal francese.

L’organigramma Ferrari

Foto di Mark Sutton / Ansa

Per quanto riguarda il resto dell’organigramma Ferrari, non ci saranno particolari variazioni: Matteo Togninalli sarà confermato come responsabile degli ingegneri, Enrico Cardile rimarrà al telaio, David Sanchez all’aerodinamica, Fabio Montecchi manterrà il ruolo di chief project engineer mentre Enrico Gualtieri continuerà a guidare lo sviluppo della power unit della Ferrari. Riccardo Adami diventerà l’ingegnere di macchina di Carlos Sainz, quello di Charles Leclerc sarà invece lo spagnolo Xavier Marcos Padros.