Ruggito Napoli, Insigne salva la panchina di Gattuso: Juventus tradita da Chiellini

Il Napoli batte la Juventus e dimentica una settimana complicata, Gattuso salva così la propria panchina proprio davanti all'amico Pirlo

SportFair

Il calcio è strano. Imprevedibile. Capace di ribaltare pronostici nel giro di 90 minuti, regalando una vittoria a un Napoli in caduta libera e condannando una Juventus reduce da una striscia positiva esaltante. Eppure al Maradona sono gli azzurri a esultare, grazie a un rigore di Insigne che taglia il traguardo dei 100 gol con la maglia azzurra. Una serata speciale soprattutto per Gennaro Gattuso, che batte il suo amico Andrea Pirlo e salva la panchina, dopo una settimana tremenda caratterizzata dal ko con il Genoa e dall’eliminazione in Coppa Italia.

LEGGI ANCHE: Napoli-Juventus, polemiche sul rigore assegnato agli azzurri: schiaffo di Chiellini a Rrahmani [VIDEO]

Napoli stoico

Foto di Ciro Fusco / Ansa

Con le unghie e con i denti. Così arriva la vittoria del Napoli contro la Juventus. Un successo voluto a tutti i costi, fotografato dall’urlo di dolore di Lozano nei minuti di recupero. Lì c’è la tutta la squadra di Gattuso, compattatasi nella serata più importante, quella che potrebbe segnare davvero la svolta della stagione. Sono 40 i punti, due in meno proprio della Juventus, che il Napoli dovrà affrontare nuovamente nel recupero del match d’andata. Una scossa che serviva eccome agli azzurri, chiamati adesso a dare continuità a un risultato che non può rimanere isolato.

Juventus bocciata

Foto di Ciro Fusco / Ansa

Si interrompe dopo tre vittorie consecutive la striscia di successi della Juventus, che si inchina a un Napoli tutt’altro che trascendentale. I bianconeri non riescono a pungere, venendo traditi da capitan Chiellini, colpevole di causare il rigore decisivo che condanna la squadra di Pirlo. Una battuta d’arresto che non ci voleva a pochi giorni dall’andata degli ottavi di Champions League contro il Porto, dove la Juventus dovrà sicuramente riscattare una serata amara da dimenticare in fretta.