Dramma sulle montagne di Sestriere, morti due scialpinisti italiani travolti da una valanga

Una valanga verificatasi sulle montagne di Sestriere ha causato la morte di due scialpinisti italiani: Carlo Alberto Cimenti e Patrick Negro

SportFair

Una tremenda valanga verificata a Sestriere, in provincia di Torino, ha causato la morte di due scialpinisti italiani, travolti e uccisi dalla furia della neve.

Le vittime sono Carlo Alberto Cimenti, noto alpinista, e Patrick Negro che aveva seguito il più esperto amico in questa avventura. I due si stavano si stavano spostando verso la Valle Argentera, quando una valanga li ha sorpresi tra Cima del Bosco e Col Chalvet. Non essendo rientrati dopo molte ore, i familiari hanno allertato i carabinieri, che si sono subito rivolti ai tecnici del Soccorso alpino e speleologico piemontese.

Le vittime

La morte dei due scialpinisti ha scosso il comune di Sestriere, soprattutto perché Carlo Alberto Cimenti era molto conosciuto nel mondo alpino. Nel 2019 infatti era arrivato in cima al Nanga Parbat, una delle nove vette più alta del mondo. Cala, come era chiamato, è scomparso insieme all’amico Patrick Negro durante un’uscita, quando una valanga li ha travolti. L’allarme dei carabinieri di Sestriere è scattato intorno alle 16.55, in serata poi il ritrovamento dei cadaveri.