Torna il pubblico agli Australian Open, ma i biglietti costano un occhio della testa

Al termine del lockdown, torna il pubblico per le ultime gare degli Australian Open, ma il prezzo dei biglietti fa scoppiare una fragorosa polemica

SportFair

Gli Australian Open 2021 si concluderanno con il pubblico sulle tribune della Rod Laver Arena, ma il prezzo dei biglietti non sarà accessibile a tutti.

Foto di Dave Hunt / Ansa

A causa delle restrizioni anti-Covid, che ha determinato la riduzione della capienza dell’impianto a 7477 spettatori, gli organizzatori hanno alzato notevolmente le cifre dei tagliandi, arrecando un grosso danno agli appassionati. Per assistere alla finale maschile serviranno 350 euro, invece dei 250 richiesti nel 2020. Un aumento dettato dall’ingente spesa di 19 milioni di euro affrontata per predisporre la bolla sanitaria e per gestire la quarantena di giocatori e staff.

LEGGI ANCHE: Australian Open, definite le finaliste del tabellone femminile

Lockdown

muchova australian open
Foto di Dean Lewins/ Ansa

Il ritorno del pubblico per le ultime partite degli Australian Open è stato possibile grazie al lockdown di 5 giorni imposto dal Governo, in seguito ai 19 casi di Covid emersi in un hotel vicino all’aeroporto. Al termine della chiusura, non si sono registrate nuove positività, così c’è stato il via libera al ritorno degli spettatori. L’impianto avrà capienza ridotta, solo 7477 le persone ammesse per ciascuna sessione. “Chiudiamo il torneo con i tifosi liberi di muoversi – le parole di Daniel Andrews, il premier dello stato di Victoria – perché il mini lockdown degli ultimi giorni ha funzionato“.