Valentino Rossi, i segreti della sua competitività: “vorrebbe vincere anche guidando… una bara”

I segreti della competitività di Valentino Rossi sono stati rivelati dal suo storico meccanico Alex Briggs, che ha fatto anche un paragone particolare

Si sono conosciuti più di 20 anni fa e non si sono più lasciati, lavorando uno al fianco dell’altro per due decenni. Parliamo di Valentino Rossi e Alex Briggs, uno dei meccanici storici del Dottore che tuttavia non lo seguirà in Petronas.

Valentino Rossi
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Nonostante i numerosi tentativi del nove volte campione del mondo, la scuderia malese ha alzato un muro sottolineando come sia Briggs che Ansiault fossero troppo costosi per il team dal punto di vista logistico. Un cerchio che si chiude, come ammesso dallo stesso Briggs: “non sono infelice, arrabbiato o deluso, nelle corse succede. Restare solo da meccanico non sarebbe stato sufficiente. A Jerez ho saputo che non ci sarebbe stato posto, così dopo diversi meeting nel motorhome di Valentino gli ho detto che mi sarei fermato. Non ho mai avuto bisogno di essere in questo mondo, ma ho sempre voluto esserci“.

LEGGI ANCHE: Lin Jarvis e lo strano incontro con Valentino Rossi: “ci siamo visti di notte in Clinica Mobile”

La frattura con la Honda

Valentino Rossi
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Nel 2004, Valentino Rossi decise di lasciare la Honda per passare alla Yamaha, così come fecero tutti i suoi collaboratori lasciando di stucco la HRC. Un aneddoto raccontato da Briggs alla Gazzetta dello Sport: “la Honda non si aspettava che lo avremmo seguito e a Valencia lo shock fu enorme. Davanti a tutti nel box Jeremy Burgess disse che sarebbe andato via, i giapponesi vennero da me, io risposi lo stesso e uno dopo l’altro anche gli altri“.

Il segreto di Valentino Rossi

Mirco Lazzari gp/Getty Images

Alex Briggs infine ha raccontato i segreti di Valentino Rossi, ammettendo come il suo obiettivo sia quello di vincere in qualsiasi circostanza: “se possiede un mezzo e quello ha delle ruote, Rossi vuole essere il più veloce. Non so cosa gli dice il cuore, ma il cervello gli dice che vuole vincere. Potrebbe mettere delle ruote su una bara e cercare di essere il più veloce di tutti anche con quella. Un ritorno nel 2022? Magari avrò iniziato una vita diversa, o magari non mi interesserà più. Ho una moglie con cui sto assieme da 27 anni, due figli, e ho voglia di stare con loro come non ho fatto tutti questi anni“.