Strage Erba: diffamazione contro famiglia Castagna, 13 hater a giudizio

Milano, 9 gen. (Adnkronos) – La procura di Como ha citato in giudizio 13 persone, tra cui otto donne, per aver diffamato via social l’onore di Carlo Castagna, oltre ad aver insultato i figli Pietro e Beppe, familiari di tre delle quattro vittime della strage di Erba (Como) dell’11 dicembre 2006.
L’amministratrice di una pagina innocentista non più presente su Facebook e 12 commentatori della stessa – persone fra i 50 e i 75 anni, residenti in tutta Italia – dovranno comparire (il prossimo dicembre) davanti al giudice monocratico del tribunale di Como Valeria Costi.
Nell’atto di citazione, la procura ha ipotizzato accordi di pena diversi da 1.400 euro di multa a 7 mesi per la responsabile del gruppo. L’inchiesta è nata da una denuncia presentata nel 2018 dai fratelli Castagna, assistiti dall’avvocato Massimo Campa, a seguito dei continui insulti via web, in coincidenza della morte del padre Carlo e poi della messa in onda di alcuni servizi televisivi che sostenevano l’innocenza di Olindo Romano e Rosa Bazzi.