Salvini con la mascherina di Borsellino, il fratello del giudice lo distrugge: “mi viene da vomitare”

Salvatore Borsellino ha attaccato duramente Salvini per essersi presentato a Palermo con una mascherina raffigurante il volto del fratello Paolo ucciso nel '92

Matteo Salvini continua a far discutere, questa volta a destare scalpore è la mascherina indossata dal leader della Lega, raffigurante l’immagine di Paolo Borsellino.

Elisabetta Villa/Getty Images

Giunto nel capoluogo siciliano per l’udienza preliminare di domani sul caso Open Arms, nel quale è accusato di sequestro di persona e omissione di atti d’ufficio dalla Procura, Salvini si è presentato in via D’Amelio per deporre un mazzo di fiori, omaggiando la memoria del giudice ucciso dalla mafia il 19 luglio del ’92.

LEGGI ANCHE: Bufera su Salvini, scambia una signora per una clochard e le regala un pacco

Le dure parole di Salvatore Borsellino

Salvini
Emanuele Cremaschi/Getty Images

Il comportamento di Salvini non è piaciuto a Salvatore Borsellino, fratello del giudice antimafia Paolo, che ai microfoni dell’Adnkronos ha espresso tutto il proprio sdegno: “Salvini in via D’Amelio? Una passerella come sempre. Vendendo quelle immagini mi viene da vomitare, ma uno sciacallo come lui non può fare altro che sciacallaggio. Vorrei ricordare le dichiarazioni precedenti fatte da Salvini quando non aveva mire elettorali sulla Sicilia e parlava di terroni. Vorrei ricordagli che mio fratello era palermitano e, quindi un terrone. Non capisco cosa vada a fare in via D’Amelio, se non un atto di sciacallaggio. Non bisogna dimenticare che a Natale è andato a distribuire pacchi dono ai bisognosi, con un fotografo dietro che lo ritraeva. Fa tutto a scopo di propaganda“.