Lo stipendio non si tocca, Lewis Hamilton non fa sconti alla Mercedes

Lewis Hamilton non ha intenzione di concedere sconti alla Mercedes, pretende lo stesso stipendio degli anni scorsi per firmare il rinnovo di contratto

Il Mondiale 2021 di Formula 1 si avvicina a grandi passi, anche se l’inizio potrebbe slittare di qualche settimana a causa del Coronavirus.

Mark Thompson/Getty Images

Il GP d’Australia infatti rischia di essere spostato a fine stagione, obbligando così il circus a fare direttamente tappa in Bahrain. In attesa di capire come si evolverà la situazione, l’argomento principale rimane il rinnovo di Lewis Hamilton con la Mercedes, al momento non ancora ufficializzato. Il campione del mondo dunque resta disoccupato, dopo la scadenza del precedente contratto arrivata il 31 dicembre 2020.

LEGGI ANCHE: Hamilton-Mercedes, i motivi che ostano al rinnovo

Niente sconti

Mark Thompson/Getty Images

Le trattative tra Lewis Hamilton e la Mercedes proseguono, ma il britannico non ha nessuna intenzione di concedere sconti al team con cui è diventato leggenda. Secondo quanto filtra dall’Inghilterra, il campione del mondo non vuole cedere sul fronte stipendio, chiedendo esattamente la stessa cifra percepita negli anni scorsi: più di 40 milioni di sterline. Una cifra pesante per il periodo storico e per i tagli che Mercedes dovrà compiere, per questo motivo in aiuto arriverà Ineos, che ha rilevato un terzo delle quote della scuderia.

LEGGI ANCHE: Prestigioso riconoscimento per Hamilton, nominato baronetto d’Inghilterra

Ambasciatore

Hamilton
Rudy Carezzevoli/Getty Images

Oltre allo stipendio intatto, Lewis Hamilton vuole anche la garanzia di assumere il ruolo di testimonial-ambassador Mercedes quando deciderà di chiudere con le corse. Anche in questo caso il team di Brackley ha dovuto cedere per far contento il proprio pilota, che si appresta a mettere la firma su un nuovo contratto, dando così l’assalto a quell’ottavo titolo che lo isserebbe da solo come pilota più vincente della storia della Formula 1.