**Ricerca: all’Iit nuovo round fondi europei Erc da 300mila euro** (2)

(Adnkronos) – In particolare, per quanto riguarda i finanziamenti di tipo Poc e considerando l’intero anno, l’Italia si attesta come terzo paese dell’Unione per numero di borse totali ricevute (17) al pari dei Paesi Bassi, dietro la Germania (23) ed il Regno Unito (30), e davanti a Francia (15) e Spagna (12), a dimostrazione, sottolineano dall’Iit, “che l’investimento su specifiche ricerche di frontiera, può condurre, anche nel nostro Paese, a innovazioni che hanno il potenziale di essere trasferiti sul mercato o di avere un impatto positivo sulla società”.
Il portafoglio di progetti Erc di Iit ottenuti a partire dal 2009 – raggiunge così il totale di 50, ottenuti da 38 ricercatori, di cui 15 donne. In particolare sono 11 i progetti di tipo Poc ottenuti da 10 ricercatori dell’Iit e riguardano lo sviluppo di tecnologie per la diagnosi precoce dell’autismo, nanoparticelle per il rilascio controllato di farmaci antitumorali, dispositivi per valutare la tossicità cardiaca dei farmaci, e lo studio di robot manipolatori in ambito industriale.
Una delle due proposte finanziate oggi dall’Erc è stata lanciata da Ferruccio Pisanello, ingegnere delle telecomunicazioni con un dottorato in fisica, originario di Lecce e coordinatore delle attività di ricerca sulle nuove tecnologie per le neuroscienze all’interno del Centro di Nanotecnologie Biomolecolari dell’Iit a Lecce. Il ricercatore italiano nel 2016 ha vinto uno Starting grant dell’Erc per il progetto Modem che prevedeva l’utilizzo della fibra ottica per stimolare i neuroni e per leggere la loro risposta a stimoli luminosi, così da indagare nel dettaglio le connessioni tra cellule e il loro funzionamento.